Annunci
Ultime notizie di cronaca

È arrivata la nave delle armi. Al momento nessun presidio

È arrivata al terminale Gmt del porto di Genova, proveniente da Santander la nave saudita Bahri Yanbu che trasporta munizioni imbarcate ad Anversa. Al momento nessun presidio al varco di Ponte Etiopia.

Nei giorni scorsi si era sollevata la protesta di portuali, associazioni pacifiste, Cgil, cattolici (ad esempio salesiani e Acli) e partiti di sinistra.
Prefettura e Capitaneria hanno fatto sapere che a Genova non saranno caricate armi, ma Calp, collettivo autonomo dei lavoratori portuali, ha comunque organizzato per stamattina alle 9 un presidio al varco portuale Etiopia, in lungomare Canepa. Al momento al varco non c’è nessuno, ma i lavoratori sarebbe già dentro il porto, pronti a manifestare.

La FILT-CGIL <dopo le numerose segnalazioni e preoccupazioni che ha espresso alle istituzioni si vede costretta a proclamare l’astensione dal lavoro per tutti i servizi e le operazioni portuali di mare e di terra, comunque garantendo i servizi di sicurezza, che vedono coinvolta la motonave “Bahri Yanbu” nel porto di Genova> ha invitato <i lavoratori fuori dal servizio e la popolazione a partecipare ad un presidio davanti a Ponte Etiopia>
<Riteniamo di dare un piccolo contributo ad un problema grande per una popolazione che viene uccisa giornalmente. Vogliamo segnalare all’opinione pubblica nazionale e non solo che, come hanno già fatto altri portuali in Europa, non diventeremo complici di quello che sta succedendo in Yemen – dicono al sindacato -. Ci saremmo aspettati che il governo e le istituzioni avessero rispettato gli accordi internazionali. Noi continuiamo a pensare che i porti italiani debbano essere aperti per le persone e chiusi alle armi. Continueremo in queste ore, con azioni diplomatiche, a provare a respingere la movimentazione del materiale bellico nel nostro porto. Se così non fosse invitiamo tutti i lavoratori ad aderire allo sciopero proclamato dalla nostra organizzazione>.

Articolo in aggiornamento

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: