Polizia locale, ecco chi sono i cantuné i genovesi premiati dalla Regione

Due commissari e due sovrintendenti capo del Corpo della città di Genova hanno ottenuto i riconoscimenti per aver salvato la vita a un automobilista dopo un incidente e a una donna incinta che minacciava il suicidio e per aver sviluppato un’attività che ha portato a ritrovare 90 motocicli provento di furto

Commissario Giovanni Frattini

Motivazione: “E’ intervenuto prontamente in ausilio a una collega intenta al rilevamento d’incidente stradale dove il conducente di un’autovettura violentemente tamponata, risultava privo di sensi. Il Commissario, con grande lucidità e sangue freddo, tastava la carotide del conducente cercando di accertare la presenza del battito cardiaco che, al momento, appariva appena percettibile. Inclinava quindi il sedile e alzava il mento del ferito per favorirne la respirazione; tastando la carotide si accorgeva che il battito cardiaco era cessato. Nell’impossibilità di estrarre da solo la persona dall’abitacolo, reclinava completamente il sedile e iniziava a praticare un massaggio cardiaco alla persona fino al giungere dell’ambulanza e auto medica. Dallo stesso medico, poco dopo, si apprendeva che la manovra posta in essere aveva, di fatto, salvato la vita a quella persona che, ricoverata presso il Reparto di rianimazione dell’Ospedale Villa Scassi in prognosi riservata, veniva successivamente dimessa”

Commissario Massimo Gaggiolo e sovrintendente capo Claudio Barigione

Motivazione: “Per avere, congiuntamente, portato a termine con successo  un intervento effettuato in un’abitazione dove una cittadina in stato di gravidanza, in agitazione psicomotoria e armata di cocci di vetro manifestava intenzioni suicide; intuendo il momento giusto per entrare in azione, monitorata pazientemente la delicatissima situazione, riusciva a disarmare, salvaguardando la sua integrità fisica, la paziente permettendo così al personale sanitario d’intervenire”

Sovrintendente capo Salvatore Pelle – Polizia Locale di Genova

Motivazione: appartenente al Reparto di Polizia Giudiziaria e Ambiente, specializzato nel ritrovamento di motocicli, provento di sottrazione per furto – nel 2018 ha rinvenuto nel territorio cittadino 90 motocicli. Le indagini poste in essere hanno consentito di giungere, in alcuni casi, all’individuazione del colpevole e hanno portato all’esecuzione di perquisizioni domiciliari e sequestri di natura penale”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: