Il 5 maggio la “Festa delle famiglie senza frontiere”

Appuntamento presso la Città dei Bambini e dei Ragazzi, area Porto Antico, alle 15

La tradizionale Festa delle Famiglie in 12 città si apre al mondo con lo slogan “Famiglie senza frontiere”.
Famiglie Arcobaleno annuncia che la tradizionale Festa delle Famiglie si tiene quest’anno in 11 città italiane il 5 maggio: Bari, Crema, Firenze, Foligno, Genova, Mira (Venezia), Modena, Napoli, Roma, Torino e Trapani. Udine, infine, festeggerà il 26 maggio.
Gianfranco Goretti, presidente di Famiglie Arcobaleno: <A poco più di un mese dal triste Congresso dell’ultradestra a Verona, un congresso carico di odio e pregiudizio, organizziamo come ogni anno una giornata di incontri nelle piazze, pic-nic e giochi aperti a tutte le famiglie. Famiglia è un nucleo aperto verso il mondo, le identità esistono solo per essere contaminate: per questo abbiamo scelto come slogan dell’edizione 2019 “Famiglie senza frontiere”. Apriamo i nostri porti, ma anche le nostre menti. La stagione dei confini e dei muri è durata anche troppoA.
La Festa delle Famiglie è organizzata all’interno dell’evento sovranazionale “International Family Equality Day”, pensato per promuovere la conoscenza e il confronto tra diversi tipi di famiglie. Sul sito www.festadellefamiglie.it è possibile reperire le informazioni su ogni singolo appuntamento, l’orario di ritrovo e il programma. Giochi, dibattiti, pic-nic, spettacoli: questi gli ingredienti comuni di questi appuntamenti che oramai sono diventati una tradizione. “Una tradizione – conclude Goretti – fatta per includere, aprirsi al mondo, confrontarsi. Non dividere, chiudersi nelle cittadelle identitarie, escludere”.

Festa delle Famiglie di Genova

<Quest’anno festeggeremo in un mondo a dimensione dei bambini e delle bambine di ogni età: siamo infatti ospitati nella divertente cornice della Città dei Bambini e dei Ragazzi dove, dalle 15, si alterneranno giochi laborati e letture per passare un pomeriggio insieme in allegria!> così invita tutti i tipi di famiglie a partecipare Claudia Lo Sicco, referente Ligure di Famiglie Arcobaleno.

<Genova ha bisogno oggi più che mai di ribadire l’esistenza di una variegata tipologie di famiglie – continua Stefano Musso, referente Ligure di Famiglie Arcobaleno Liguria – Questa amministrazione sta facendo di tutto per instaurare un clima di disparità di diritti con provvedimenti discriminatori anticostituzionali e in violazione dei Trattati europei: il sindaco – decisamentenonditutti – Bucci e la sua giunta da un lato sono ricorsi in appello contro una sentenza del Tribunale di Genova in cui una bambina ha visto riconosciute entrambe le sue mamme come figure genitoriali, e dall’altro si prodigano per l’istituzione del Registro delle Famiglie, grazie al quale introducono agevolazioni e benefici ai soli nuclei familiari iscritti e iscrivibili in questo Registro – minori figli di coppie sposate – non unite civilmente, non separate, non genitori single – conviventi – mentre tutti gli altri tipi di famiglia saranno tagliati fuori.
Ma questo è il tempo di una #Genovabetterthanthis, per cui continuiamo a guardare avanti e costruire progetti di felicità e vita. Quella vera>.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: