Annunci
Ultime notizie di cronaca

Stamane la cerimonia di ricordo di Tuttobene e Casu, carabinieri uccisi dalle Br 38 anni fa

Questa mattina, in via Riboli, il Comandante della Legione Carabinieri “Liguria”, Gen. B. Pietro Oresta, alla presenza delle massime  autorità cittadine, hanno reso omaggio al sacrificio del Ten. Col. Emanuele TUTTOBENE e dell’Appuntato Antonino CASU, caduti in un attentato terroristico ed entrambi decorati di Medaglia d’Oro al Valore Civile, deponendo una corona alla lapide commemorativa.
Dopo la cerimonia, alla quale hanno partecipato una rappresentanza di militari in servizio ed in congedo, i familiari delle vittime, presso la Caserma “Vittorio Veneto”, sede del Comando Legione Carabinieri Liguria, è stata  celebrata la Santa Messa in suffragio.

Il 25 gennaio 1980, alle ore 13:15, l’auto sulla quale viaggiava, con il suo autista appuntato Antonino Casu, Tuttobene venne intercettata da un commando di terroristi che esplose contro i militari numerosi colpi d’arma da fuoco. Entrambi sono stati uccisi da distanza ravvicinata. L’attentato venne rivendicato dalle Brigate Rosse – colonna Francesco Berardi.

Tenente Colonnello Emanuele TUTTOBENE

”CAPO UFFICIO O.A.I.O. DI LEGIONE CARABINIERI PARTICOLARMENTE IMPEGNATO NELLA LOTTA CONTRO LA CRIMINALITÀ EVERSIVA, ASSOLVEVA I PROPRI COMPITI CON RESPONSABILE IMPEGNO ED ASSOLUTA DEDIZIONE, PERSEVERANDO NELLA PROPRIA MISSIONE NONOSTANTE LE MALFERME CONDIZIONI DI SALUTE E PUR CONSAPEVOLE DEI GRAVISSIMI RISCHI PERSONALI CONNESSI CON LA RECRUDESCENZA DEGLI ATTENTATI TERRORISTICI DIRETTI, IN SPECIE,CONTRO MILITARI DELL’ARMA. PRODITORIAMENTE FATTO SEGNO, IN UN VILE ATTENTATO, A NUMEROSI COLPI D’ARMA DA FUOCO ESPLOSIGLI CONTRO DA UN GRUPPO DI TERRORISTI, SACRIFICAVA LA VITA AI PIÙ NOBILI IDEALI DI GIUSTIZIA ED ELEVATO SENSO DEL DOVERE”.

Appuntato Antonino CASU

“CONDUTTORE DI AUTOMEZZI IN FORZA A REPARTO COMANDO DI LEGIONE PARTICOLARMENTE IMPEGNATA NELLA LOTTA CONTRO LA CRIMINALITÀ EVERSIVA, ASSOLVEVA I PROPRI COMPITI CON PROFONDA DEDIZIONE E SERENO SPREZZO DEL PERICOLO. DURANTE PRODITORIA AGGRESSIONE, PERPETRATA CON ESTREMA EFFERATEZZA DA UN GRUPPO DI TERRORISTI, VENIVA TRUCIDATO DA NUMEROSI COLPI D’ARMA DA FUOCO ESPLOSIGLI DA DISTANZA RAVVICINATA MENTRE, CON RESPONSABILE IMPEGNO, SVOLGEVA IL PROPRIO SERVIZIO SACRIFICANDO LA VITA NELL’ADEMPIMENTO DEL DOVERE”.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: