Annunci
Ultime notizie di cronaca

Rapinano coetanei di cellulari e denaro. Quattro ragazzi arrestati a San Fruttuoso

La banda ha commesso una serie di rapine tra via Fiume a Brignole. Sono stati presi tra via Canevari e Corso Montegrappa alle 02.20 di notte

La Polizia di Stato di Genova ha arrestato quattro giovani, tre Italiani ed un cittadino del Bangladesh di età compresa tra i 18 ed i 21 anni, per il reato di rapina aggravata continuata in concorso.
La notte fra domenica e lunedì, le volanti della Questura e del Commissariato Centro sono intervenute in via Fiume dove un ragazzo era stato rapinato in strada da due persone. La vittima ha raccontato di essere stata malmenata e minacciata con un oggetto appuntito da due giovani, uno italiano ed uno straniero, che lo hanno rapinato del telefono cellulare e del denaro che custodiva nel portafoglio. Sul posto i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato un cacciavite, abbandonato dai rapinatori prima della fuga.
Alcuni minuti più tardi sono arrivate le segnalazioni di altre due rapine commesse in sequenza da due giovani, la cui descrizione corrispondeva a quella degli autori della prima rapina, accompagnati questa volta da due ragazze che hanno avuto parte attiva nei reati.
La sequenza degli episodi indicava che i quattro da via Fiume si erano spostati verso la Stazione Brignole e da lì in direzione Sant’Agata.
Con l’intervento di altre due volanti dell’U.P.G e del Commissariato San Fruttuoso, i fuggiaschi sono stati intercettati all’angolo tra Via Canevari e Corso Montegrappa, dove hanno tentato di disfarsi della refurtiva nascondendola sotto un’edicola. Gli agenti hanno recuperato due cellulari rapinati, restituiti poi ai legittimi proprietari in sede di denuncia, e sequestrato un piccolo armamentario fatto di tre cacciaviti, un coltello a serramanico, un coltello multiuso, una pinza, una chiave inglese ed una pietra, per il cui porto sono stati tutti deferiti. Recuperata, inoltre, e restituita al proprietario, una banconota da 50 euro che una delle ragazze aveva occultato nella cover del proprio smartphone.
Gli arrestati, tre dei quali con precedenti per reati contro la persona ed il patrimonio, tutti residenti in provincia di Imperia, sono stati associati alle carceri di Marassi e Pontedecimo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: