Annunci
Ultime notizie di cronaca

Terrorismo a Nizza. Frontiere al setaccio. La Farnesina invita a evitare spostamenti

84 morti e 18 feriti gravissimi. Un terrorista ha falciato la folla che assisteva ai fuochi del 14 luglio con un grosso camion. È verosimile che tra le vittime ci siano anche italiani

 

http://cdn.static01.nicematin.com/media/npo/mobile_1440w/2016/07/attentatnice.jpg

(Una foto linkata direttamente dal sito del Nice Matin che mostra un ferito trasportato in barella. Dietro, decine di teli bianchi a coprire i morti)

(ARTICOLO IN AGGIORNAMENTO)
L’orrore a 40 chilometri dal confine. A Nizza, dove tanti genovesi e liguri trascorrono le loro vacanze, hanno la seconda casa, si spostano anche per una sola serata di svago. Un camion ha falciato la folla dopo i fuochi d’artificio del 14 luglio sulla promenade des Anglais: 84 morti, 18 feriti gravissimi, almeno 50 feriti non in pericolo di vita e migliaia di persone coinvolte. Molti sono bambini. C’è chi racconta di una bimba semi coperta con un telo dorato, di quelli in uso alle pubbliche assistenze, con ferite alla testa e una bambola ancora in mano. Si è trattato di un attentato terroristico. L’omicida responsabile della strage è stato ucciso dalla polizia. Si tratta di un naturalizzato nizzardo di origine tunisina di 31 anni. È stato fermato da un cittadino e due poliziotti, dei quali uno è donna. Un uomo è saltato sul camion per tentare di fermarlo e i poliziotti hanno approfittato della distrazione del terrorista per affrontarlo e poi sparargli. Sul camion armi pesanti non operative e una granata senza innesco. L’uomo, però, mentre procedeva a zig zag col grosso camion per travolgere più gente possibile ha anche sparato con una pistola quella sì funzionante.
Tra le vittime ci sono sicuramente anche molti italiani. Sui social si cercano una coppia italiana della quale lì in vacanza e della quale non si hanno notizie da ieri. Al momento gli arenili di Nizza sono interdetti. Annullato il concerto di Rihanna che si doveva tenere questa sera all’Allianz Riviera.

coperina nice matin(La cruda prima pagina del quotidiano “Nice Matin” di oggi che titola: “Carneficina a Nizza”)

Sul sito della Farnesina viaggiaresicuri.it si legge l’invito ai nostri connazionali: <Si è verificato un attentato in centro città. Si invitano i connazionali ad evitare spostamenti ed a seguire le indicazioni delle Autorità locali. Per emergenze contattare Consolato Generale d’Italia a Nizza al n. 0033 (0) 768054804.
Le Autorità francesi hanno attivato il seguente numero telefonico ove è anche possibile chiedere informazioni: +33 (0) 1 43175646>. Ovvio che è sconsigliato mettersi in cammino, oggi, per la località francese.
Ai valichi di frontiera sono stati disposti controlli di polizia in entrata e in uscita ai tre valichi di frontiera tra Francia e Italia sulla viabilità ordinaria mentre in autostrada si effettuano controlli a campione, ma piuttosto robusti. Controlli anche al valico ferroviario. Il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, assicura che gli apparati di sicurezza italiani. Sia a Pont St.Ludovic sia a Pont St. Louis è stato rafforzato il presidio della polizia di frontiera alla quale sono stati affiancati esercito, carabinieri e battaglione mobile. Alla polizia spiegano di aver avuto notizia che alcuni fuggitivi sarebbero diretti in Italia, anche se non ci sono riscontri concreti. L’attentatore, dunque, potrebbe non aver agito da solo. Sul versante francese sono operative la  gendarmerie la police nationale oltre ai servizi di sicurezza.
In questo momento, sulla promenade des Anglais si stanno raccogliendo i corpi che dovranno essere identificati. Sapremo, allora, se tra loro ci sono italiani, liguri, genovesi.
Scampata per un soffio alla strage la lettrice di Francese alla facoltà di Lingue all’università di Genova, Laure Bianchini, originaria proprio di Nizza, che nella sua città era fino a mercoledì. <Sono tornata a Genova per il ricevimento studenti di giovedì (ieri n. d. r.). Se non avessi avuto quell’appuntamento sarei sicuramente rimasta lì> dice, ancora sotto choc dopo aver letto le notizie su quanto è accaduto nella città dove è nata, cresciuta e ha studiato.
Il presidente della Regione Liguria, su Twitter ha espresso <Sgomento, dolore e rabbia per le vittime di Nizza>. Poi ha aggiunto: <La Regione Liguria è in contatto con il ministero degli Interni: massima attenzione alla frontiera di Ventimiglia. La Liguria si stringe agli amici francesi ed è a disposizione per qualsiasi forma possa servire alle autorità della Costa Azzurra>.

http://cdn.static01.nicematin.com/media/npo/mobile_1440w/2016/07/rcapqrxxq207_cd_atten-18645825.jpg

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: