22 bombole di gas sequestrate, rischio esplosione in Canneto in Curto – IL VIDEO

Gli abitanti chiamano i vigili del fuoco a causa di una forte puzza di gas. Quando i pompieri arrivano, scoprono la perdita proviene da una delle ventidue bombole detenute illegalmente da un negoziante straniero che le vendeva senza alcun permesso mettendo a repentaglio la vita di decine di persone

13390849_10206449577064331_464906114_n-2
Ventidue bombole di gas in un negozio che non era autorizzato a detenerle: un rischio fortissimo, da tempo denunciato dagli abitanti della zona. In Canneto ilCurto rischiavano di saltare in aria le case. Poteva essere una strage. Per fortuna, invece della temuta esplosione c’è stata una perdita e i residenti hanno chiamato i vigili del vuoco. Sul posto sono arrivate anche pattuglie della polizia di stato e della “municipale”. Il commerciante ha tentato di dire che le bombole non erano sue, ma le sue affermazioni sono apparse subito poco credibili. Tutti sanno, in zona, che le commerciava e lo avevano anche denunciato al Comune, chiedendo un intervento. Stasera, la puzza di gas era così forte che i residenti sono usciti dalle case, spaventatissimi.

Gli abitanti della zona sono disperati. Da tempo chiedono interventi decisi in quel tratto di strada dove si assiepano spacciatori e ubriachi, dove gli stranieri, spesso anche con cani di grossa taglia e senza museruola e giunzaglio, si fermano a chiacchierare da metà pomeriggio fino a sera inoltrata. Qualche giorno fa il degrado che minaccia sia la vivibilità sia le attività economiche dei commercianti regolari era stato portato alla ribalta da un’interrogazione del consigliere comunale Udc Alfonso Gioia.
In zona molti sono i negozi gestiti da stranieri nel giro di pochi metri. tra Canneto il Curto e Canneto il Lungo. Molti sono regolarissimi. Altri (sicuramente quello che stasera è stato sorpreso a detenere illegalmente le bombole), sono un problema in un’area intensamente abitata, a due passi da via San Lorenzo, dove le attività commerciali sane, italiane e straniere, sono ancora tantissime. Tra questi anche la bottega dove questa sera sono state individuate le bombole. Ad acquistarle sono proprio altri stranieri che abitano in case in cui non c’è l’impianto del gas. Si tratta soprattutto di irregolari che non possono ottenere regolari contratti di fornitura.
Le bombole del gas sono molto pericolose se non maneggiate con la dovuta perizia da personale preparato. Non è possibile tenere al chiuso grandi quantità di bombole e, comunque, il luogo deputato deve avere specifiche carattaristiche. Il gas può esplodere o infiammarsi. Facile immaginare le possibili conseguenze se questo accadesse al piano terra di una casa che si affaccia su un vicolo del centro storico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: