Senza categoria Urbanistica 

Il mistero dei tombini riquadrati: il festival di architettura New Generations

I tombini riquadrati con lo scotch bianco in piazza Ferretto, nel centro storico, ma non solo quelli: il pampano apparso in fondo a via Giustiniani e poi ancora, usando 828 metri di nastro adesivo, i confini di un parco giochi possibile, una vasca da bagno sul muro di una casa della città vecchia, il campo da basket, tutto, appunto, rigorosamente “disegnato” con lo scotch e, quindi, rimovibile. Poi, il cantiere della nave di legno che per un paio di giorni ha conquistato l’attenzione dei passanti davanti al Teatro della Tosse. Tutto è riconducibile a un unico progetto, spiegato da questo video dal quale si impara, tra le altre cose che a Genova a novembre piove il triplo ripetto a Londra, che nell’immaginario mondiale è la città “con l’ombrello”.

Dopo Milano e Firenze, è stata Genova la città scelta per la nuova edizione del festival internazionale di architettura curato da Gianpiero Venturini (classe 1982), architetto e titolare di Itinerant Office, per l’associazione culturale New Generations. Promosso quest’anno dall’Ordine degli Architetti di Genova e dalla sua Fondazione, l’appuntamento ha preso l’avvio il 26 novembre presso il palazzo della Borsa, in piazza de Ferrari, per entrare nel vivo con il consueto densissimo programma di attività culturali nell’arco di tre giorni; a questo cartellone si sono affiancati due workshop pratici destinati a studenti e neo-laureati guidati da giovani architetti-tutor.
“Beyond Architecture” è stato il tema guida selezionato per il 2015, declinato in tre ambiti di riflessione che sottintendono l’intero programma: city (urgencies), finalizzato ad attivare uno scambio sulla governance urbana tra i soggetti coinvolti nella ridefinizione dello spazio pubblico; architects ground zero, che attraverso il coinvolgimento di alcuni dei più promettenti nomi del panorama internazionale ha voluto monitorare le costanti evoluzioni del ruolo dell’architetto contemporaneo; funding models, con una specifica attenzione sui modelli economici emergenti – dal crowdfunding ai progetti collaborativi – sempre più di maggiore interesse anche per le giovani generazioni di professionisti.

cantiereLe giornate genovesi del progetto hanno anche dato vita a, in sinergia con l’Ordine degli Architetti di Genova a “Itinerari di architettura”, che sono stati un’occasione per conoscere mete di interesse architettonico del capoluogo ligure.

 

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: