Sabato il Liguria Pride, Festa dell’indipendenza dagli stereotipi. Chi, dove, come e – soprattutto – perché

IMG_9161-1(L’assessore Elena Fiorini, al centro, con alcuni dei responsabili delle associazioni che danno vita al Pride)

Sabato il centro, il centro storico e il Porto Antico si riempiranno con i colori del “Liguria Pride”.
Ecco l’invito di uno dei testimonial dell’iniziativa, Enrique Balbontin

COME

Al Liguria Colorata Pride non si marcia solo a piedi. Ecco lo slogan: “Più diritti con ogni mezzo!”
“Maniaci e maniache del volante, pigri e pigre, atleti e atlete, diversamente abili, skater e neonati, potete tutti e tutte partecipare alla parata del Liguria Colorata Pride con i vostri mezzi – dicono gli organizzatori -, ma se avete una targa è necessario che la comunichiate a info@liguriapride.it entro la mezzanotte di oggi per evitare le multe. Date sfogo alla vostra creatività con addobbi e slogan da gridare con noi.  Presentatevi sabato 4 luglio alle ore 16:30 ai Giardini di Brignole. Coloreremo insieme le strade della città!“.

QUANDO

Assembramento presso i Giardini di Brignole alle 16:30 e partenza della Parata alle 17:30. Arrivo previsto per le 19.30-20:00  presso il piazzale Mandraccio (Porto Antico). Avvio del corteo in salita, con la musica di Dj Radda, per via XX Settembre fino a piazza De Ferrari dove c’è la sede della Regione Liguria. Al centro della piazza la famosa fontana sarà colorata di viola per l’occasione. Si continua per l’elegante via Roma, passando davanti a palazzo Doria-Spinola sede della Prefettura, e si prosegue passando nelle Galleria Bixio e Galleria Garibaldi, finalmente luoghi ombreggiati e freschi, dove le voci della folla riecheggiano creando facili e simpatici momenti di allegria (per tradizione in galleria si accelera il passo fino ad essere corsetta e si alza il tono di voce quando si declamano gli slogan). Usciti in via Bensa, attraversata piazza della Nunziata in prossimità dell’Università di Genova, si gira in via delle Fontane per arrivare in via Gramsci, costeggiando l’area del Porto Antico, fino a Caricamento. Il corteo termina in Porto Antico, nel piazzale Mandraccio. Ora prevista di arrivo h 19,30/20,00.

Qui saranno allestiti stand con punti di ristoro: Il Masetto con due hamburger speciali che celebrano il Pride e il Panificio S. Pio X con focaccia e torta di riso, due specialità della tradizione ligure.

Inoltre sarà presente un punto informativo con i materiali delle Associazioni aderenti al Coordinamento Liguria Rainbow, promotore del Liguria Colorata Pride. Uno spazio sarà dedicato interamente alla casa editrice “Lo Stampatello”, che si rivolge soprattutto al mondo dell’infanzia con temi che vanno dall’omogenitorialità all’omoaffettività, passando per tutte quelle esperienze che trovano meno posto nella letteratura per bambini.

Il carro si trasformerà in palcoscenico con Beatrice D’Oria che presenterà la serata e gli ospiti, dagli interventi delle autorità seguiti dal saluto delle associazioni aderenti.

Si parte con la musica di Dj Celso e, a seguire, l’esibizione di Mc Nill. Successivamente Paola Escobar canterà alcuni pezzi del suo nuovo album in anteprima nazionale. Per finire, dj set di Vam Dj fino alle 23.30, quando la festa si sposterà a 100 metri dal piazzale del Mandraccio nello scenario suggestivo delle chiatte del Banano Tsunami con “Gusto Hot”, official pride party.

CHI
L’iniziativa è organizzata da diverse associazioni, non necessariamente LGBT, che formano il Coordinamento Liguria Rainbow , una rete spontanea di associazioni e singole persone che hanno sentito la necessità di confrontarsi sui temi legati ai diritti civili nell’idea che omofobia, transfobia ed ogni altra forma di violenza e discriminazione riguardino l’intera società e sostiene l’idea che la conoscenza delle differenze porti al superamento delle paure che sono alla base degli atti di violenza e discriminazione che riscontriamo nella nostra società.
Il Coordinamento Liguria Rainbow nasce dall’unione di associazioni presenti sul territorio Ligure e cittadini indipendenti che hanno in comune la volontà di proporre alla società occasioni aggregative che promuovano la cultura dell’accoglienza e dell’inclusione delle differenze. Fanno parte del coordinamento:
Agedo Genova; Amnesty international – Circoscrizione Liguria; Approdo Ostilia Mulas – Comitato Territoriale Arcigay Genova; Arcilesbica; CO.GE.DE Liguria; Equality Italia; Famiglie Arcobaleno; Gay is not a clubber – gruppo giovani universitari; GenovaGaya; Gruppo Bethel LGBT; Laboratorio About Gender; Ponente che Balla; Princesa; Rainbow Pangender Pansessuale – Genova Liguria Gaynet; Rete di donne per la politica; Se non ora quando – Genova; SpA Politiche di Donne; UAAR; UDI Genova; UDS Usciamo dal Silenzio.

(SOPRATTUTTO) PERCHÉ
Il Pride quest’annLIGURIA COLORATA PRIDE_logo_COLORE_rgbo prende il nome di “Human Pride” perché vuole celebrare la dignità e l’eguaglianza dei diritti e l’affermazione positiva delle differenze basate su ogni identità di genere e orientamento sessuale. Il Pride nasce come commemorazione del giorno in cui le persone LGBTQI (Lesbica, Gay, Bisessuale, Transessuale, Transgender, Queer, Intersessuale) hanno iniziato a chiedere rispetto per ciò che sono.
Qui, il manifesto dell’iniziativa
http://www.liguriapride.it/wordpress/?page_id=45

Altri testimonial

Niccolò Figari (pallanuotista, difensore della Pro Recco)

Alessandro Bonanomi (Bikkemberg’s model e personal trainer) con Carolina e Leonardo

Monica Cirinnà, senatrice della Repubblica, membro della 2ª Commissione permanente (Giustizia), relatrice unica del DDL su “Disciplina delle coppie di fatto e delle unioni civili”
https://youtu.be/uZUSMYaq5RU

I VIDEO
Il video ufficiale della manifestazione
https://youtu.be/iFUy9Hf4p1o

The Hugger Games
Video ideato e prodotto da Maria Beatrice Alonzi, creatrice e regista della web serie “Sesso&Calcio”, a sostegno dello ‪#‎HumanPride‬

“La domenica in famiglia”
Realizzato da Famiglie Arcobaleno

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: