Quartieri 

Via del Veilino chiusa per 60 giorni per gran parte della giornata, disagi per gli abitanti e per le attività produttive

Nei guai circa 200 residenti, diverse aziende cimiteriali e un B&B. La chiusura impedirà l’accesso carrabile anche a via Sant’Antonino e a salita del Montino. I consiglieri di Valbisagno Insieme sostengono le richieste dei residenti della zona: «Bisogna lavorare di notte per lasciare il più possibile la strada aperta di giorno, anche per i bimbi che vanno a scuola». Domani un’assemblea organizzata dai residenti

I lavori di adeguamento idraulico sono necessari e su quello sono tutti d’accordo. La prima fase riguarderà lo spostamento della fogna che comporterà la chiusura della strada per la maggior parte della giornata. «Nessuno di noi vuole fermare o rallentare i lavori – spiega il capogruppo di Valbisagno Insieme Roberto d’Avolio -. Venerdì scorso, il Municipio ha organizzato una riunione per informare i cittadini a cui era presente anche Giorgio Gazzani, esponente del comitato di quartiere. Abbiamo scoperto lì che i cantieri sono imminenti, addirittura era previsto di aprirli entro una settimana. La riunione era stata chiesta dai tecnici per concordare le finestre di chiusura e apertura della strada. Ma decidere su due piedi e con solo cinque cittadini presenti era impossibile. Ora i residenti sono chiamati a esprimere le loro preferenze in pochi giorni. La richiesta che sta prevalendo è quella di chiedere chiusure per la maggior parte notturne. Ci è stato detto che l’ipotesi è poco percorribile perché sotto la strada da scavare sono presenti sottoservizi diretti anche al casello autostradale e che se succedesse un incidente di percorso non si troverebbero in turno i tecnici necessari alle riparazioni. La maggior parte dei cittadini chiede però che si ragioni meglio su questa ipotesi».

Per questo è stata indetta una riunione per approfondire il tema. Si terrà lunedì sera (domani, 6 febbraio) alle ore 21 a Sant’Antonino. «La chiusura della strada per lunghi tratti della giornata non è cosa di poco conto, considerato che via del Veilino è l’unica strada percorribile in auto che collega il paese al resto della città – continuano i consiglieri di Valbisagno Insieme – Con i residenti abbiamo chiesto di avere un po’ di tempo per permettere ai più di 200 cittadini di valutare le richieste del Comune. I lavori sono essenziali e devono andare avanti, tuttavia è inaccettabile il ritardo con cui il Municipio ha dato comunicazione delle proprie esigenze e dell’imminente inizio delle operazioni di cantiere».

«Altro tema caldo legato ai lavori è quello relativo alle attività commerciali. Occorrerà affrontare le problematiche inerenti l’indotto cimiteriale come la mancanza di posti auto a servizio del Cimitero Monumentale di Staglieno; in questa prima fase, tuttavia, alcune attività imprenditoriali rischiano grossi contraccolpi. In salita Sant’Antonino è collocato un BB molto richiesto che ha prenotazioni per diversi mesi. Rimane l’incognita non da poco di come gestire gli arrivi – dicono i consiglieri di Valbisagno Insieme, Roberto D’Avolio, Erika Venturini e Lorenzo Di Pietro. Un’altra gestione approssimativa dei cantieri in città -. La parte politica avrebbe il dovere di semplificare la comunicazione fra tecnici e cittadini, il Municipio ha questa funzione, ma purtroppo quanto accaduto in questi giorni dimostra che non sempre l’ente sul territorio è vicino alla cittadinanza».

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: