Trasporti 

Aumenta del 6% il biglietto del treno. L’assessore Sartori: «Lievissimo rincaro necessario per migliorare il servizio»

Sanna (Pd): «La Giunta Toti completamente supina alle richieste di Trenitalia: i biglietti dei treni aumenteranno fino al 2030 e per l’assessore Sartori è tutto normale, anzi inevitabile. Bisogna invece rivedere immediatamente il contratto di servizio»

«Il lieve rincaro dei biglietti è necessario perché, come più volte detto, entro la fine dell’anno avremo la consegna degli ultimi dieci nuovi treni per un totale di 48 previsti dal Contratto di Servizio sottoscritto nel 2018 dalla Regione Liguria con Trenitalia. Ad oggi, ed in totale dal 2018, risultano infatti in servizio sulla rete ligure 38 nuovi elettrotreni regionali – 5 complessi Jazz, 15 Pop e 18 Rock – che hanno permesso di definire standard di qualità in progressivo miglioramento sui principali indicatori di performance, come puntualità, regolarità, composizioni e di garantire alla clientela le più innovative tecnologie di bordo, quali people counter, videosorveglianza live e wi-fi. A fine anno, quindi, l’età media della flotta ligure si attesterà a 4,8 anni a fronte dei 27 di inizio 2018: i liguri ora non viaggiano più su carrozze vecchie e malandate”. Così l’assessore regionale ai Trasporti Augusto Sartori in merito all’ennesima polemica che lui definisce «sterile, demagogica e che non porta a niente di costruttivo» sollevata dalle opposizioni sul rincaro dei biglietti dei treni regionali.

«I lievi aumenti tariffari, 6% di media di cui appena 3% per gli abbonamenti, sono previsti anche per finanziare l’ammodernamento degli impianti di manutenzione e l’upgrade tecnologico – aggiunge – Ricordo anche che nel 2019, 2020 e 2021 abbiamo sospeso gli aumenti per la tragedia del Ponte Morandi e per la pandemia. Quelli di quest’anno – conclude Sartori – sono stati in linea con la maggior parte delle Regioni del Centro-Nord Italia e nettamente inferiori rispetto all’indice nazionale dei prezzi al consumo nel mese di dicembre 2022 che risulta aumentato del 11.6% su base annua come comunicato dall’Istat».

“Per l’assessore Sartori bisogna rassegnarsi all’aumento dei biglietti dei treni perché programmati e quindi inevitabili, anzi, annuncia che ci saranno aumenti fino al 2032 dice il consigliere regionale del Partito Democratico Armando Sanna dopo la risposta in aula alla sua interrogazione sull’aumento dei biglietti dei treni in Liguria -. Di fronte a queste affermazioni sorge spontanea una domanda: ma da che parte sta la Giunta regionale? Degli utenti o dell’azienda? La verità è che la Regione Liguria è completamente supina alle richieste di Trenitalia. Il contratto di servizio, dopo il crollo del ponte Morandi, andava completamente riscritto, considerando la necessità di agevolare e promuovere gli spostamenti su ferro, visti gli innumerevoli cantieri autostradali e i conseguenti disagi. Invece questa giunta non ha fatto nulla. Ha lasciato tutto com’era e ora dice che dovremo accettare aumenti fino al 2032 in cambio di treni nuovi, che arriveranno tra otto anni, nel frattempo ci teniamo un servizio spesso contestato dagli stessi pendolari per qualità e frequenza dei convogli”.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: