Oggi a Genova 

Il Ducale vince il bando Pnrr: 2 milioni e mezzo di euro per la Torre Grimaldina e per l’accessibilità per tutti alle attività della Fondazione

Il direttore Serena Bertolucci: «Una grande soddisfazione. Abbiamo vinto con altre quattro realtà nazionali ricevendo il contributo più alto»

Stamattina Bertolucci aveva scritto sulla propria pagina Facebook: «Prima che arrivino tutte le parole, credo che sia opportuna dirne una sola, grazie – si legge nel post -. Grazie a Luca Bizzarri (ex presidente di Palazzo Ducale che per primo ha lanciato l’urgenza di rendere fruibile la torre n. d. r.) che mi ha contagiato con la sua magnifica fissazione per una torre, grazie al personale di Pal Duc che mi ha sopportato e supportato in un agosto caldissimo, grazie alle direzioni cultura (scusate se nn scrivo la giusta dizione) di Regione e Comune, con Luca Parodi e Piera Castagnacci, grazie a Paola Borrione e a Fondazione Santagata, grazie alla Unione Ciechi e al prode presidente Arturo Vivaldi, grazie al vivacissimo consolato dell’Ecuador, grazie agli architetti Roberto Segattini e Giovanni Bertolotto, grandi professionisti che hanno buttato il cuore oltre l’ostacolo e progettato cose bellissime, grazie a Roberto Murgia che mi aiutato tantissimo, immaginando un futuro senza macchine e più sicuro per tutti e pure perdonato (spero) perché non so andare in bicicletta».

«Beh, certo. è una grande soddisfazione – spiega, ora, Bertolucci -. palazzo Ducale ha vinto il bando PNRR insieme ad altre quattro realtà nazionali ricevendo, tra l’altro il contributo più alto. Lavoriamo alla Grimaldina, all’accessibilità della torre che finalmente sarà possibile e anche a tutta una serie di iniziative che renderanno il palazzo più accessibile, non solo nei termini che noi siamo abituati a pensare ma ad ogni tipo di accessibilità che va dalla cognitiva alla fisica, a quella per i bambini a quella nuovi cittadini. Insomma, un passo verso il Palazzo Ducale del futuro».

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: