Oggi a Genova 

Almeno duemila tifosi della Sampdoria manifestano in strada e davanti alla sede contro la società

Si sono radunati sotto la gradinata sud dello stadio “Luigi Ferraris”, poi, in corteo, si sono mossi sotto la sede della società, in Corte Lambruschini. Striscioni contro la società e Garrone, bengala e cori contro Ferrero. FOTO E VIDEO

Nel mirino la gestione della società che versa nella parte bassissima della classifica, in penultima posizione prima del Verona, con 6 punti contro i 41 del Napoli che è in testa.

Non ci sono bandiere (lo avevano chiesto gli organizzatori «perché non c’è nulla di festoso»), ma tante le sciarpe. Il timore è che, tra problemi di bilancio e continue sconfitte, torni alla presidenza Ferrero che sta terminando l’anno di interdizione dalle attività imprenditoriali deciso del giudice.

Il servizio d’ordine alla manifestazione è della la Polizia di Stato. La Polizia locale si occupa delle chiusure delle strade dove è necessario.

Lo striscione che stava in testa al corteo e che è stato appeso davanti alla sede recita: “Rabbia, cuore ed orgoglio per lUnione Calcio Sampdoria”.

I tifosi avevano fatto sapere chiaramente di non volere giornalisti alla manifestazione. Avevano terminato il volantino firmato “la Sud” e realizzato per chiamare al corteo: «Attenzione: giornalista evita di avvicinarti. Uomo avvisato»: una chiara minaccia.

Dura la posizione degli organismi ordinistici e sindacali della categoria: « L’Ordine dei Giornalisti della Liguria, l’Associazione ligure dei Giornalisti il Gruppo Cronisti della Liguria e l’Ussi Liguria esprimono condanna e preoccupazione per il volantino a firma “La Sud” nel quale sono contenute intimidazioni e minacce nei confronti dei giornalisti. Sappiano gli autori che i giornalisti non si fanno intimorire e continueranno con professionalità a svolgere il loro mestiere di cronisti nell’interesse dei lettori. Ordine dei giornalisti della Liguria, Associazione ligure dei Giornalisti, Gruppo Cronisti della Liguria e Ussi Liguria chiedono che sia garantito il diritto di cronaca nella piena sicurezza e auspicano un clima di civile rispetto, lo stesso rispetto che nutrono verso il diritto dei cittadini di tenere manifestazioni».

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: