Commercio Economia 

Il Campionato Mondiale di Pesto in Niger, vince studentessa modello ventenne

Leila Abdou, al sesto mese del suo corso di studi, ha meritato l’orgoglio della direttrice del “Centre de Formation en Hotellerie Acces” Stephanie Cahn e la soddisfazione del Ministro della Gioventù del paese

Il 18 novembre in occasione della giornata internazionale della cucina italiana nel mondo, in una scuola di Niamey, in Niger, con ragazzi e ragazze che sognano di diventare chef internazionali, il Campionato del Mondo, chiamato dall’Ambasciatrice italiana Emilia Gatto, ha organizzato la IV eliminatoria del X Campionato Mondiale di Pesto Genovese al Mortaio (a Genova, marzo 2024).

[Continua sotto]

L’occasione della gara al “Centre de Formation en Hotellerie Acces” ha generato altri eventi importanti: una conferenza sulla cultura italiana all’Università di Niamey e altre iniziative sociali all’Ambasciata e nel territorio. Tutte le autorità locali, diplomatiche e della cooperazione internazionale erano presenti all’evento che si è rivelato, come era nelle intenzioni italiane, di alto prestigio, di affermazione delle nostre eccellenze e non ultimo dello stile con cui vengono comunicate e condivise in ogni parte del mondo.

[Continua sotto]

A Niamey erano presenti il Campione del Mondo 2018, Emiliano Pescarolo, e lo chef genovese e imprenditore di ristoranti Paolo Ferralasco.

«Gare ne abbiamo fatte, ma come questa mai. I giovani concorrenti sono stati uno spettacolo, era la prima volta che facevano il pesto al mortaio, ma hanno finito in 15 minuti senza nemmeno sporcare le tovaglie e ci hanno messo in difficoltà nella scelta del miglior pesto perché erano tutti veramente eccellenti. Alla finalissima di Genova avrebbero dato seriamente del filo da torcere alle persone più esperte – ha detto Pescarolo -. Di questa esperienza tengo con me due cose: da un lato il silenzio mistico con cui hanno assistito alla lezione di pesto al mortaio che precede ogni eliminatoria, e dall’altro l’allegria la partecipazione la quantità di selfie scattati alla fine della gara, neanche fossimo Ronaldo e Messi!»

«I ragazzi non sapevano nulla della nostra salsa, ma in un solo quarto d’ora hanno prodotto un pesto genovese di altissima qualità – ha spiegato Paolo Ferralasco -. Uno dei giudici, direttore dell’hotel di superlusso Radisson di Niamey, ha offerto ai primi tre classificati uno stage alla fine della scuola con ottime possibilità di occupazione e la cosa ci ha fatto un enorme piacere. Quando Leila Abdou ha saputo di aver vinto ha pianto per la commozione, come se nella sua vita si fosse aperto uno spiraglio che non osava nemmeno sognare. È stata così brava che l’ho invitata a farmi da assistente ad un pranzo importante dell’Ambasciata il giorno dopo. Ho preparato gnocchi di castagne, il pesto lo ha fatto lei».

«In passato il Campionato del Mondo di Pesto era già stato coinvolto in altre Giornate Internazionali della nostra cucina organizzate dal Governo Italiano, in particolare a Parigi e a Lille – ha dichiarato Roberto Panizza, patron della manifestazione -. L’Ambasciatrice Italiana, Sua Eccellenza Emilia Gatto, ci ha voluti in Niger dopo le positive esperienze vissute in Francia. Quella di Diamey è stata un’altra avventura positiva, una giornata di rappresentatività dell’eccellenza italiana e anche una trasmissione di valori: l’antica universalità della cultura alimentare ligure insieme alla moderna fascinazione del Pesto che tocca i giovani e tutti quelli che si sentono cittadini del mondo. Sono certo che l’ulteriore sviluppo internazionale sarà la mission del Pesto Championship nei prossimi anni»,

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: