person playing chessCentrostorico Quartieri 

Associazione Cultura e Sviluppo per Genova: «Una mega scacchiera a Caricamento. Riportiamo il circolo Venturini in centro storico»

Il presidente Stefano Garassino: «La proposta al Comune è quella di allestire nella piazza tra Porto Antico e centro storico dove svolgere partite di livello e alla portata di semplici appassionati e dilettanti e, perché no, anche manifestazioni con figuranti in costume. L’idea è quella di contrastare il degrado nella piazza»

Il blasonatissimo circolo scacchistico genovese “Luigi Venturini” è stato a lungo in via Giustiniani, nel cuore della zona est del centro storico. Ora è ospitato all’interno del Circolo ricreativo dell’Amt, in via Ruspoli, alla Foce. «La nostra associazione, appena costituita, ma che conta già qualche centinaio di iscritti, è convinta che attraverso la cultura e l’animazione del territorio si possa far arretrare il degrado» spiega Stefano Garassino, ex assessore leghista della prima giunta Bucci. L’associazione, però, è apolitica e punta a migliorare la città attraverso iniziative positive che vadano dalla cultura all’animazione del territorio utili, insieme ai controlli delle forze di Polizia e della Polizia locale, a conquistare vivibilità.

La prima proposta dell’associazione è per il Comune: «Il Patrimonio dovrebbe trovare uno spazio da destinare allo storico circolo scacchistico – spiega il presidente dell’Associazione Cultura e Sviluppo per Genova -. Si tratta di una realtà sportiva e, perché no, culturale di grandissimo rilievo che adesso deve condividere la sede col Cral di Via Ruspoli, dove è ospitata. Il gioco degli scacchi in Liguria si perde nella storia della città e della regione. Esistono testimonianze sin dal tredicesimo secolo. Nel Settecento gli scacchi erano appannaggio delle classi più agiate, ma nacquero poi le diverse Accademie. L’Ottocento fu il secolo degli scacchi in tutta Europa e anche in Liguria. Molti i giocatori di livello che si misuravano con i giocatori d’Oltralpe e con i molti campioni stranieri che transitarono sul nostro territorio».

Si legge sulla pagina del Circolo Venturini: «Nel 1856 fu fondato a Genova il primo “Casinò degli Scacchi” presso il caffè “Bella Napoli” in Piazza Soziglia e fu eletto presidente del Circolo l’avvocato Luigi Centurini (1820-1900), un funzionario pubblico noto per la sua integrità, interessato – oltre che al gioco vivo – alla problemistica e allo studio dei finali, che già nel 1853 aveva pubblicato pionieristici studi su quelli di Torre e Cavallo contro Torre; collaboratore di quella “Rivista degli Scacchi” che fu tra i primi periodici europei specializzati, oltre che di prestigiose riviste straniere».

Il Circolo è frequentato da grandi maestri e giovani promesse e da tutti quelli che amano dedicare il proprio tempo libero alla scacchiera. «Riportarlo in centro storico con una sede adeguata alle necessità permetterebbe di portare nella città vecchia frequentazioni sane e tanti giovani – spiega Garassino -. A corredo dell’attività del circolo si potrebbe creare una grande scacchiera in piazza Caricamento. Approfittando di quello spazio si potrebbero svolgere iniziative di livello, gare e corsi, attrezzandolo la piazza per l’occasione, ma anche, utilizzandola proprio come grande scacchiera, iniziative di promozione del territorio».

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: