In evidenza 

Famiglia genovese, bloccata all’estero da martedì, denuncia: «RyanAir ci ha abbandonati»

Prima lo sciopero nazionale che all’inizio della settimana ha tenuto a terra tutti i voli dell’aeroporto Charleroi di Bruxelles, poi lo sciopero dei lavoratori della compagnia. La famiglia (i genitori e due bambini) hanno dovuto girare per l’Europa da soli e pagarsi tutte le spese per tornare a casa. Mamma, papà e bimbi dovevano arrivare alle 17 di martedì a Genova, arriveranno (si spera) domenica alle 21:30 a Torino, quindi dovranno proseguire su un’auto noleggiata. Vanessa Ferrari e Andrea Modesto hanno perso giorni di lavoro. Il bimbo, che ha 11 anni, parecchi giorni di lezione

Ora la famiglia è a Palma di Maiorca. «La bimba di 4 anni – spiega Vanessa -, è sfinita fisicamente. Il maschietto ha perso molti giorni di scuola. È in prima media. Abbiamo dovuto fare i compiti in viaggio per tentare di non rimanere troppo indietro. Mio marito ha un’azienda sua e ha dovuto disdire o rimandare molti lavori. Io sono dipendente». Oltre a una consistente quantità di denaro per il prolungato soggiorno all’estero, la famiglia deve anche fare i conti con la perdita economica.

Nessun decollo né atterraggio durante lo sciopero dei dipendenti dell’aeroporto di Charleroi a Bruxelles, il più grande aeroporto del Belgio, quello di Bruxelles, è stato duramente colpito dallo sciopero nazionale di lunedì: 80mila persone sono scese in piazza a manifestare. Gli agenti dei controlli di sicurezza e gli addetti ai bagagli si sono uniti alla protesta. Centinaia i voli cancellati e migliaia i passeggeri sull’orlo della disperazione.

[Continua sotto]

Ieri, a causa dello sciopero simultaneo dei controllori di voli e del personale di alcune compagnie sono diverse centinaia i voli cancellati in Italia e in Europa. Il comunicato RyanAir: «A causa di uno sciopero dei Controllori di Volo di 24 ore a partire dalle 00:00 di venerdì (21 ottobre), siamo stati costretti, sfortunatamente, a cancellare oltre 600 voli da/per l’Italia. Tutti i 110,000 passeggeri Ryanair interessati sono stati notificati ed informati delle loro opzioni. Ryanair si scusa sinceramente con tutti i passeggeri i cui piani di viaggio sono stati ingiustamente impattati da questo sciopero dei Controllori di Volo Italiani».

Sull’assistenza RyanAir, però, la famiglia ha più di una cosa da dire. E lo ha fatto con un post pubblico su Facebook. Eccolo

Tutti devono sapere cosa Ryanair riserva ai suoi clienti.
Il giorno 18 ottobre 2022 io e la mia famiglia avremmo dovuto prendere il volo FR6637 per Genova dall’aeroporto di Bruxelles previsto alle 14:15. Il volo dapprima è stato spostato alle 15:30 senza nessuna spiegazione. Abbiamo pensato fossero cose che possono succedere. Ci rechiamo così verso l’aeroporto di Charleroi Airport ed intorno alle 12:30 il bus non poteva entrare in aeroporto allora decide di lasciarci poco prima per proseguire a piedi.
Da lì un cordone di polizia blocca il flusso di gente che accorreva a prendere il proprio volo dicendoci di tornare a casa perché l’aeroporto era inaccessibile. Alla richiesta di spiegazioni nessuno ha mai dato risposta ma solo urla infuriate di poliziotti che ci intimavano di andare a casa perché i voli erano stati cancellati per tutto il giorno ed il giorno successivo.
Allora decidiamo di rivolgerci alla nostra compagnia per avere spiegazioni ma il call center in maniera anche arrogante sosteneva fosse tutto nella norma perché il volo sarebbe decollato come previsto. Alla quarta telefonata al call center ci invitano ad aspettare li in aeroporto dopo l’orario previsto per il decollo per avere informazioni più chiare. Aspettiamo insieme ad altre migliaia di persone ed alle 15:32 richiamo il call center Ryanair il quale risponde che il volo è decollato con successo e che eventualmente avrebbero mandato una mail per disposizioni differenti.
Torniamo a Bruxelles centro alle 19 di sera con due bambini esausti senza una spiegazione cercando un’alternativa per tornare in Italia.
Alle ore 19:25 arriva un messaggio di testo con un link allegato il quale spiegava che coloro i quali hanno perso il volo saranno avvisati con una mail per un rapido cambio o rimborso.
Tiriamo un sospiro di sollievo e attendo il giorno successivo.
Appena svegli non troviamo nessuna mail perciò decidiamo di chiamare il famoso call center che ci tranquillizza di attendere la mail perché i rimpiazzi sono parecchi.
Il giorno successivo ancora perciò ormai il 20/10/2022 nessuna mail allora richiamiamo il call center che finalmente una signorina mi rimanda al cambio di biglietto per il sabato successivo con lo stesso volo Charleroi-Genova. Dopo un’attesa di un’ora e 20 minuti un’altro signore risponde ‘signora il cambio biglietto non lo posso effettuare perché da martedì oggi è troppo tardi per chiamare il call center doveva pensarci prima, l’unica cosa che posso fare è rimborsare il biglietto’ su tutte le furie (è riduttivo vi assicuro) gli chiedo di parlare con un superiore ma mi ha letteralmente attaccato il telefono in faccia dicendomi che ero troppo agitata per poter parlare con lui. Da lì in poi fino alla sera alle 18:00 abbiamo chiamato insistentemente con due telefoni ma poche volte siamo riusciti a trovare la linea è quelle poche volte fingevano di non sentire o magicamente cadeva la linea. In preda al panico decidiamo di prenotare a nostre spese il volo di sabato ma era esaurito e lascio a voi immaginare il panico nel cercare una soluzione alternativa per rientrare a casa il prima possibile per non perdere ulteriori giorni di lavoro noi e di scuola i nostri figli. La soluzione trovata prevedeva uno spostamento Bruxelles-Hamburgo (7h) in treno un volo Hamburgo-Palma de Maiorca alle ore 22:00 pernottamento a Palma de Maiorca con ripartenza per Torino alle 20:00 del giorno successivo noleggio auto per tornare comodamente a Genova intorno alle 00:00 della domenica. Premetto che la scelta del rientro è stata basata sull’economicità della spesa associata ad una comodità per una bambina di 5 anni ed uno di 11. Ancora oggi sabato 22/10/2022 Ryanair non ci ha risolto il problema ne rimborsato un solo euro di tutti quelli che abbiamo dovuto investire per TORNARE A CASA per una responsabilità che non è NOSTRA. Farnesina ed Ambasciata Italiana INESISTENTI dicendo di risolverci il problema da soli.
4 notti in più del previsto in 4 persone
10 pasti per 4 persone
treno
Aereo
Macchina

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: