Enti Pubblici e Politica 

Sul Fasce torna la croce di ferro abbattuta da una tempesta. Metà la pagheranno i genovesi

Il presidente del Municipio Levante Federico Bogliolo: «Sarà finanziata per il 50% dal Comune e per il restante 50% dalla Curia». Sarà illuminata. Presto la demolizione del vecchio manufatto

«Tra i racconti della mia infanzia ci sono sempre state alcune storie, aneddoti che mia nonna raccontava sull’infanzia di mio papà. Spesso, infatti, accadeva che tutta la famiglia si recasse su Monte Fasce – talvolta a piedi – per ammirare la bellissima croce di ferro che dominava la città: 14 metri di altezza e una storia che inizia nel lontano 1936 (nel 1900 per quella in legno, poi abbattuta bel 1905) – racconta Bogliolo -. La Croce che ci ha protetto durante la seconda guerra Mondiale. Un simbolo genovese e cattolico che noi liguri portiamo e abbiamo sempre portato nel cuore. Penso incuriosito che più di 85 anni fa chi si girava da mare verso monte vedeva già la Croce del Fasce. Incredibile! Nel 2018 – il 29 ottobre 2018 – quella tremenda bufera di vento e pioggia, porto’ alla caduta della croce. 82 anni. Ricordo ancora le parole di mio padre che, quasi incredulo, disse “non può essere caduta…”. E invece sì: la Croce del Fasce era caduta. Di li un complicato percorso che ha coinvolto il comune, la curia, i residenti di Apparizione, la ProLoco di Apparizione e il Municipio e che ha avuto ad oggetto la rimozione della carcassa della vecchia croce e il posizionamento di una nuova».

[Continua sotto]

«Fino ad oggi, giorno nel quale abbiamo avuto conferma che il Comune finanzierà al 50% il nuovo posizionamento (il rimanente 50% la curia) – prosegue il presidente del Municipio Levante -. A breve inizierà la rimozione della vecchia croce. A seguire, una volta raggiunta la cifra finale (per la quale la Pro Loco di apparizione organizza una raccolta fondi) – che e’ nel frattempo aumentata per l’aumento del costo delle materie prime – inizierà anche il nuovo posizionamento. La Croce del Fasce sarà illuminata e sarà un faro’ per tutti noi genovesi. Non vediamo l’ora di vederla di nuovo in piedi. Non vediamo l’ora che sia di nuovo issata. Grazie a chi ha lavorato a questo risultato: alla ProLoco di Apparizione, al Comune, al Municipio, all’Assessore Arrighetti (che ormai e’ massima esperta in materia e che tanto si e’ battuta, anzi tantissimo), ai cittadini, alla Curia (che ha davvero fatto la differenza) e a tante altre persone ancora che hanno lavorato per la nostra Croce».

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: