Enti Pubblici e Politica 

Vandalismo a calata Vignoso, pescatori ricevuti dal Prefetto: «Ha promesso di coinvolgere il Questore»

La presidente Borriello ha chiesto: «Aumento dei controlli non deve fermarsi al semplice passaggio in macchina delle forze dell’ordine nella zona, ma spingersi verso un più accurato monitoraggio del molo e delle banchine antistanti»

A seguito dei numerosi episodi di vandalismo che ormai da anni interessano la Darsena di Genova e le imbarcazioni sottostanti, una delegazione di pescatori della zona, accompagnata dalla presidente dell’Associazione Pescatori Liguri, concessionaria della banchina dei pescatori di calata Vignoso, è stata ricevuta oggi dal Prefetto, a cui ha richiesto intervento immediato.

[Continua sotto]

“A calata Vignoso – spiega Daniela Borriello, presidente dell’Associazione Pescatori Liguri e Responsabile di Coldiretti Impresa Pesca Liguria – un presidio fisso non è fattibile. Nonostante ciò, il Prefetto Renato Franceschelli si è impegnato a rafforzare quanto prima i controlli e a porre nuovamente la questione all’attenzione degli enti coinvolti. Ciò che è certo, e lo ricordiamo, è che questo auspicato aumento dei controlli non deve fermarsi al semplice passaggio in macchina delle forze dell’ordine nella zona, ma spingersi verso un più accurato monitoraggio del molo e delle banchine antistanti”. “La riqualificazione parte dalla sicurezza – dicono Luca Dalpian e Paolo Campocci, presidente e direttore di Coldiretti Genova – ed essa riguarda in maniera più ampia tutta la zona del centro storico in cui si trovano il molo e il mercato del pesce. I pescatori non si sentono sicuri, temono per la propria incolumità e per la sicurezza delle attrezzature. Il rischio è concreto, servono soluzioni quanto prima”.

“Ringraziamo il Prefetto per l’attenzione dimostrata – conclude Coldiretti Liguria – e per l’impegno a sottoporre la situazione anche al Questore, così da poter coordinare al meglio le forze dell’ordine e rendere possibile un concreto rafforzamento della presenza quotidiana in loco, assicurando altresì un dialogo con gli enti coinvolti durante il comitato della prossima settimana. Noi, a questo punto, ci impegniamo a controllare che quanto promesso venga realizzato a stretto giro e a portare avanti la nostra attività di sollecito al Comune di Genova, affinché sistemi l’illuminazione della zona e interceda concretamente con la Soprintendenza per la realizzazione di cancellate più alte. Impegno che, per altro, era già stato preso dall’Assessore alla Sicurezza Sergio Gambino durante il Consiglio comunale del 6 settembre”.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: