Economia Sindacale 

Ansaldo Energia, i sindacati: «A settembre la lotta sarà di tutta la città. Siamo pronti a una battaglia epica»

Oltre allo sciopero di oggi, scatta lo sciopero dello straordinario. E, dopo agosto, sindacati e lavoratori sono pronti a rivendicare con forza il cambio del piano industriale «che prevede centinaia di esuberi e nessuna prospettiva per il futuro». Oggi in piazza mille lavoratori

La manifestazione di oggi, col corteo in strada e il blocco, per mezz’ora, del casello di Genova Ovest, è stato solo un assaggio. Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil sono, insieme a tutti i lavoratori di Ansaldo energia, sono pronte alla battaglia subito dopo agosto. «Sarà una battaglia di tutta la città» recita il volantino delle organizzazioni sindacali. Una battaglia che Fim, Fiom e Uilm combatteranno cercando alleati pesanti: «Istituzioni, forze politiche, l’intera città». Fu così per Fincantieri, nel 211, quando tutta Genova fece quadrato coi lavoratori. Una delle manifestazioni fu organizzata addirittura da Ascom Confcommercio. Il mondo del Commercio scese in piazza per la prima volta per tutelare l’industria cittadina.

In merito all’attuale situazione di Ansaldo Energia il sindaco di Genova Marco Bucci e l’assessore allo sviluppo economico Mario Mascia dichiarano: «Il Comune di Genova è vigile sulla situazione che riguarda i lavoratori di Ansaldo Energia e di un’azienda storica che rappresenta il tessuto della città. Parliamo di un’eccellenza del nostro territorio che conta circa 2.400 dipendenti diretti oltre a 4.000 lavoratori dell’indotto. Saremo a fianco degli enti preposti in questa vertenza convinti che vadano salvaguardati i diritti dei lavoratori e la continuità dell’azienda sul territorio. Auspichiamo un confronto costruttivo tra le parti che seguiremo con attenzione».

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: