Oggi a Genova 

Municipi, la Caporetto della Sinistra che perde nelle roccaforti storiche. Nessun peso dei “comitati del no”

Centrosinistra battuto persino nella delegazione operaia (il Medio Ponente, che una volta aveva sei sezioni Pci tra quelle cittadine e quelle industriali) e nella roccaforte degli orlandiani Pd (Ponente), frana anche in Bassa e Media Valbisagno. I “comitati del no” sparsi per la città non portano a casa risultati. Il Lagaccio vota centrodestra nonostante il battage contro la Funivia, il Levante rimane saldamente al centrodestra nonostante le polemiche su pedonalizzazione ed Euroflora, la Valbisagno cambia segno nonostante i comitati contro inceneritori, Skymetro e progetto autorimessa Amt e anche nel centro ovest, dove il centrosinistra ha cavalcato la vicenda dei depositi costieri, presidente confermato e coalizione vincono di misura, queste ultime per 46,45 a 45,63

Un discorso a parte lo merita il Centro Est, dove il presidente uscente Andrea Carratù (centrodestra) ha superato di 3 punti e mezzo il candidato del centrosinistra, Stefano Giordano (M5S), persona che mai è stata politicamente attiva nella zona. Una scelta, quella di non indicare una persona non riconosciuta dal territorio, che ha pregiudicato al centrosinistra la massimizzazione del forte scontento del centro storico, parte numericamente pesante del municipio. Il centro storico si è di fatto spostato a sinistra (anche se non abbastanza), come era prevedibile per le forti polemiche sulla drammatica gestione della movida e delle iniziative di rilancio commerciale per cui la giunta Bucci ha investito parecchio, ma che nonostante questo non hanno portato un reale risultato per il territorio, come più volte hanno fatto notare i comitati di zona. In entrambi i casi a gestire le cose è stata l’assessore comunale Paola Bordilli. I risultati del recupero e del rilancio urbanistico, che capta fondi ancora più grandi, gestito dall’assessore all’urbanistica Simonetta Cenci, non possono essere a breve termine, si vedranno negli anni futuri e non hanno pesato sul voto. La gestione comunale del centro storico ha danneggiato il risultato del partito di Bordilli e Carratù in zona (sceso al 5,24%) e ha pesto sui voti del candidato presidente che invece ha tenuto bene in altre zone “contese”, come il Lagaccio (oggetto della campagna “contro” del M5S sul tema della funivia) e certe sezioni di Castelletto e Carignano. Alla sinistra è andata la parte alta di Oregina, tradizionalmente fedele e alcune zone di Castelletto come San Nicola, feudo della cosiddetta “sinistra cachemire”. Il vero buco nero è il centro storico che ha riversato nelle urne tutto il suo scontento: il segnale chiaro di una profonda criticità che va risolta.

Nonostante l’handicap di partenza sul centro storico, Carratù, che ha lavorato bene con le associazioni del territorio di ogni orientamento politico, l’ha spuntata col 48,78% dei voti contro il 45,27 di Giordano, aggiudicandosi, cioè, 3 punti e mezzo in più.

Centro Ovest – Presidente Michele Colnaghi (uscente, centrosinistra) col 46,98% dei voti

Bassa Valbisagno: Angelo Guidi (centrodestra) col 47,89 batte il presidente uscente Massimo Ferrante

Media Valbisagno, il candidato del Centrodestra Maurizio Uremassi (centrodestra) batte col 51,35% il presidente uscente Roberto D’Avolio.

Valpolcevera confermato con più del 52% il presidente uscente Federico Romeo che supera di larga Misura Fabrizio Belotti (centrodestra)

Medio Ponente: Cristina Pozzi (centrodestra), col 37,5%, supera l’ex vicesindaco della giunta Doria Stefano Bernini e strappa per la prima volta alla sinistra il “Municipio operaio”.

Ponente: Guido Barbazza (centrodestra) supera sul filo di lana il presidente uscente Claudio Chiarotti, 47,71% a 47,02% e porta via, anche in questo caso roccaforte storica della sinistra e “capitale” degli orlandiani.

Medio Levante: Anna Palmieri, centrodestra, col 64,05% supera Camilla Ponzano (centrosinistra).

Levante: l’ex vice presidente Federico Bogliolo (centrodestra) porta a casa il risultato col 59,04% prevalendo su Serena Finocchio (centrosinistra).

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: