Politica Senza categoria 

Salvini a Genova: «Scommetto un euro sulla vittoria al primo turno»

Il leader della Lega a un convegno del partito sulle infrastrutture chiede stop all’invio di armi in Ucraina, pace fiscale e dice no a esportare l’allargamento genovese a Italia Viva in campo nazionale

«Sono scaramantico ma penso di poter scommettere 1 euro sul fatto che a Genova si vince al primo turno” ha detto Salvini, che ha aggiunto di essere«orgoglioso di aver scommesso sul sindaco Bucci cinque anni fa quando nessuno o pochi ci credevano».

I temi sono stati quelli della pace in Ucraina e della pace fiscale. E assolutamente no all’ipotesi di tassare la casa, soprattutto la prima casa «come la Ue vorrebbe». A Draghi ha chiesto di «alzare i toni» sulla pace fiscale: «C’è di mezzo la vita di 15 milioni di persone» ha spiegato, aggiungendo che sarebbe un introito altrimenti non garantito per lo Stato.

Per il leader della Lega «la pace fra Ucraina e Russia significa salvare posti di lavoro in Italia».

Quindi il “no” all’allargamento dell’accordo con Italia Viva attualmente in atto a Genova, dove alcuni candidati renziani sono in lista in Vince Genova, la lista del sindaco uscente Marco Bucci: «Niente esperimento a livello nazionale – ha detto Salvini -. A Genova si vede che siamo stati così bravi in questi cinque anni da convincere anche pezzi del centrosinistra, ma mi sembra che Italia Viva sia saldamente collocata nel campo del centrosinistra».

Infine la polemica a distanza con Enrico Letta, leader nazionale Pd. «Così non si può andare avanti. Salvini si sta prendendo la responsabilità, con questa sua azione distruttiva, di mettere in crisi e in difficoltà il Governo e l’Italia. E, soprattutto, di mettere a rischio i fondi europei, che sono fondamentali per il nostro Paese e per il Sud – ha detto il segretario Dem -. Ormai il leader della Lega – ha aggiunto Letta – si comporta come rappresentante dell’opposizione. Anzi, è molto più opposizione lui rispetto ad altri che lo sono davvero».

«Letta ha detto che io non voglio stare al Governo. Ma come, sono qui a Genova mentre c’è la festa del Milan in corso a parlare di porto, diga, tav e altre infrastrutture. E Letta dice che non abbiamo voglia di stare al governo? – ha risposto Salvini dalla nostra città – Ma se c’era qualcuno che si era opposto al modello Genova, citofonare Letta citofonare Pd. Non ha argomenti poverino: i suoi argomenti sono il ddl Zan, la legge elettorale e lo Ius soli. Noi parliamo di tasse, di lavoro e infrastrutture. Se c’è qualcuno che rallenta l’operato del governo è lui. Con l’aggravante della guerra ad oltranza».

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: