Spettacoli 

Domani l’ultimo concerto del ciclo “Gems à la Paganini”

Come i precedenti concerti, anche l’ultimo sarà a ingresso gratuito e introdotto da una illustrazione dei brani e degli aspetti esecutivi, a cura di Cristiano Gualco, primo violino del Quartetto di Cremona e Direttore Artistico degli Amici di Paganini

Si chiude con il concerto del Quartetto Amai, mercoledì 25 maggio alle 20.30, a Genova, nel Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi, il ciclo “Gems à la Paganini” che ha visto protagoniste le note del genio violinista nostrano.

Il Quartetto Amai è composto da quattro studentesse dell’Università per la Musica e le Arti interpretative di Vienna: Janela Nini e Chiara Siciliano (violini), Michaela Kleinecke (viola) e Anna Tonini Bossi (violoncello) si sono incontrate nel 2020 con il desiderio di condividere la loro passione per la musica da camera. I successi non si sono fatti attendere. L’Amai Quartet è stato scelto per partecipare ai progetti di Yehudi Menhuin e, nel 2021, si è qualificato per la finale del concorso “Pakoski” a Piacenza, in cui si è aggiudicato il terzo posto. In questa e nella prossima stagione, l’ensemble si esibirà per importanti associazioni concertistiche a Modena, Rivoli, Mestre e Rovereto, dove prenderà parte al festival Settenovecento.

A “Gems à la Paganini” Amai Quartet porterà l’esecuzione, preceduta da una guida all’ascolto, del Quartetto op. 59 n. 3 di Beethoven (Razumowsky).

Con la conclusione del ciclo di concerti, organizzato nel mese della morte del grande violinista, l’associazione Amici di Paganini dà appuntamento al prossimo autunno con la rassegna “Paganini e dintorni” e con il “Paganini Genova Festival”, divenuto ormai un appuntamento irrinunciabile per gli amanti della musica.

I concerti di “Gems à la Paganini” sono a ingresso gratuito.
L’accesso alle sale sarà consentito fino all’esaurimento dei posti previsti dalla normativa vigente. Per approfondimenti è consultabile il sito www.amicidipaganini.it

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: