Cronaca 

Ricercata per sequestro di persona, trovata in Brasile dai Carabinieri di Genova

La donna è stata condannata per sequestro di persona a scopo di estorsione e lesioni aggravate, reati commessi in Francia ed in Liguria quasi 10 anni fa, nei confronti di un uomo per presunti debiti. Il Nucleo Investigativo dell’Arma genovese ha anche rintracciato un 63enne ricercato perché deve scontare 10 anni di carcere

Due distinte e complesse indagini volte alla ricerca di “catturandi”, hanno permesso ai militari del Nucleo Investigativo di Genova di localizzare ed arrestare due persone, su cui gravano importanti pene detentive.

Il primo arrestato, colpito da ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Torino, è un 63enne gravato da pregiudizi di polizia, senza fissa dimora, localizzato e catturato dopo un inseguimento nei pressi di un campo nomadi alle porte di Milano. L’uomo, ricercato da alcuni mesi poiché ritenuto responsabile dei reati di rapina in concorso, simulazione di reato, calunnia, porto abusivo di armi, furto aggravato e false dichiarazioni, commessi tra gli anni 1999 e 2011 nelle città di Arezzo, Genova, Firenze e Torino, è stato condannato a oltre 10 anni di reclusione. Veniva quindi associato presso il carcere Opera di Milano.

Complesse ricerche effettuate anche all’estero, che hanno coinvolto le forze di polizia di Paesi del centro e sudamerica, hanno consentito di rintracciare una donna spagnola condannata a 12 anni di reclusione in carcere per sequestro di persona a scopo di estorsione e lesioni aggravate, reati commessi in Francia ed in Liguria quasi 10 anni fa, nei confronti di un uomo per presunti debiti. A seguito di condanna della Corte d’Appello di Genova, la donna aveva fatto perdere le proprie tracce dal 2014. I carabinieri la rintracciavano in Brasile ed ottenevano la sua estradizione, resa esecutiva ieri quando giungeva all’aeroporto di Roma Fiumicino per poi essere tradotta presso il carcere di Rebibbia.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: