“Giovanni Toti morto”, firmato P38. Minacce al presidente sui muri di Oregina

«Una scritta: “Giovanni Toti morto”. E una firma: “P38”, ovvero la pistola diventata simbolo degli anni di piombo. Il tutto a due passi da via Fracchia, dove c’era l’appartamento-covo delle Brigate Rosse»

«È l’ennesimo preoccupante messaggio indirizzato al presidente della Regione Liguria, un’altra minaccia di morte che segue di pochi giorni le vergognose scritte comparse in prossimità del centro vaccinale di Camporosso – dicono i consiglieri comunali di “Cambiamo!”, il partito del presidente -. Ancora una volta non possiamo che far pervenire tutte la nostra solidarietà e vicinanza al presidente Toti, denunciando l’insopportabile escalation di violenza, per ora ‘solo’ verbale, che si sta manifestando nei suoi confronti».

Immediata la solidarietà del sindaco Marco Bucci.

Solidarietà dai gruppi parlamentari di Coraggio Italia: «La violenza, verbale o fisica, va sempre condannata, a prescindere dalla matrice. Esprimiamo, anche a nome dei deputati e senatori di Coraggio Italia, tutta la nostra solidarietà al Presidente Toti per le intollerabili minacce subite. La battaglia contro il virus passa anche dal contrasto all’ignoranza, alla cattiva informazione e alle spinte anti-scientifiche. Fronte su cui dovrebbero essere assieme tutte le forze politiche, le istituzioni e i media». Lo dichiarano il capogruppo alla Camera Marco Marin, e il capo delegazione al Senato di Coraggio Italia, Paolo Romani.

«A Giovanni Toti esprimo la mia solidarietà umana e politica per la nuova, ennesima, minaccia di morte da chi vuole boicottare l’attività della Regione Liguria per la diffusione del vaccino antiCovid. Forza Giovanni! Siamo con te!». Lo dichiara in una nota il senatore Francesco Giro, con doppia tessera FI-Lega.

Solidarietà attraverso Twitter delle ministre Gelmini e Carfagna, mentre la presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati la ha espressa direttamente al presidente della Regione per telefono.

Su Facebook la solidarietà del leader ligure della Lega Salvini Premier.

«La Lega e il presidente non si lasciano intimidire da nessuno», scrive Rixi. Non risulta al momento che alcuna scritta firmata P38 sia stata scritta all’indirizzo del Carroccio accanto a quella “dedicata” a Toti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: