Mercato dei fiori, quasi completi gli scavi. I lavori saranno terminati in 7 mesi

Sopralluogo, questa mattina, nel cantiere per la realizzazione del Nuovo Mercato dei Fiori, in via Sardorella a Bolzaneto, di proprietà di Spim Genova spa, la società immobiliare in house del Comune di Genova. I lavori, avviati ad agosto e realizzati dalla RTI con capofila Rebora Costruzioni – con La Commerciale (impiantistica), Mozzone Building System (struttura in legno lamellare) – aggiudicataria del bando a maggio, hanno portato quasi al completamento degli scavi di sbancamento propedeutici alla posa delle fondazioni dell’edificio

Sette i mesi previsti per la realizzazione del progetto che prevede la costruzione ex-novo di un edificio innovativo e sostenibile nella zona adiacente al Centro Agroalimentare, anche questo di proprietà di Spim, a Bolzaneto.

Il progetto, redatto dalla Direzione Progettazione del Comune di Genova e condiviso con i fioristi sotto il coordinamento della Direzione Sviluppo del Commercio, presenta una struttura modulare, interamente prefabbricata in legno, rivestita esternamente con sistemi molto performanti dal punto di vista energetico. Verrà realizzato un unico ambiente a tutt’altezza, suddiviso internamente in aree funzionali destinate a servizi, stand (oltre 1000 mq), locali tecnici. Il prospetto principale è destinato all’accoglienza e al carico delle merci con i mezzi pesanti (load area), mentre i mezzi di limitate dimensioni potranno agevolmente effettuare le operazioni di manovra lungo i fianchi dell’edificio negli spazi sottostanti le pensiline appositamente realizzate. A completamento della struttura innovativa, il tetto sarà ricoperto di pannelli solari.

«Si tratta di una nuova infrastruttura a servizio della nostra città, un’area di servizio moderna, realizzata con una concezione innovativa che avrà basso impatto ambientale e limitati consumi di risorse energetiche – dichiara il sindaco di Genova Marco Bucci – Il nuovo mercato dei fiori sorgerà in una zona strategica, vicino al mercato agroalimentare della città, ben servita dalla viabilità ordinaria e autostradale. Un altro obiettivo che ci eravamo posti e che abbiamo raggiunto nell’interesse di chi lavora in un settore importante per Genova”»

«Siamo di fronte a un cantiere molto significativo per Genova – commenta il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti – un altro aspetto di quella ripartenza che, soprattutto grazie alla nostra poderosa campagna vaccinale, sta coinvolgendo tutto il territorio della Liguria dopo la fase più difficile e complessa della pandemia. Qui a Bolzaneto avremo una struttura all’avanguardia, moderna e funzionale, attenta alla sostenibilità e, aspetto da non sottovalutare, in una posizione molto vantaggiosa dal punto di vista logistico».

«Abbiamo lavorato con molto impegno in questi anni di amministrazione per dare agli operatori una sede moderna, innovativa e funzionale alla loro attività – dichiara l’assessore ai lavori Pubblici Pietro Piciocchi – gli ostacoli superati, sulla strada di questo progetto, sono stati molti, ma oggi possiamo dire di aver centrato l’obiettivo di dare finalmente una struttura all’avanguardia a Genova, che altre città ci invidieranno. Il nuovo mercato, che sarà terminato il prossimo anno, avrà caratteristiche strutturali e una logistica efficienti a operatori e clienti oltre che un’armonizzazione con il territorio».

«Le scelte progettuali, dalle vetrate all’impianto fotovoltaico in copertura, sono mirate a limitare i fabbisogni energetici per la climatizzazione estiva e a contenere la temperatura interna degli ambienti, su modello dei modernissimi edifici Near Zero Emission Building – spiega Stefano Franciolini, amministratore delegato di Spim – Il Nuovo Mercato dei Fiori nasce in una posizione logistica strategica, per la prossimità con il Centro Agroalimentare esistente e con il casello autostradale».

Particolare la scelta della pavimentazione grazie alle caratteristiche autolucidanti del silicato. Il continuo utilizzo della pavimentazione unitamente a una costante e corretta manutenzione andranno a donare maggiore lucentezza alla superficie, al contrario di qualsiasi altra superficie in cui il calpestio e l’usura sono fonte di opacizzazione e deterioramento.

Dal punto di vista dell’efficienza energetica, la struttura verrà dotata anche di colonnine di ricarica per veicoli elettrici per espositori e visitatori.

Il Nuovo Mercato dei Fiori in numeri:

Costo della realizzazione: 3.270.000 con ribasso del 26% a base d’asta

250 m3 di legno

1.7 tonnellate d’acciaio

2.000mq di superficie coperta

6.000mq l’area complessiva

7 mesi: tempo previsto per i lavori

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: