Green pass nelle mense della Penitenziaria, la protesta del Sappe

Contestazione del sindacato per la decisione del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria di consentire l’accesso alle mense solamente al personale in possesso del certificato verde

«Una scelta illogica e contraddittoria – sostiene il segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Donato Capece – che ha evidenziato una volta di più l’inadeguatezza dell’Amministrazione ad assumere provvedimenti con un minimo di buon senso: pensate che a Pordenone, per consentire i pasti al personale che non ha il green-pass ma che comunque è potenzialmente vaccinato e quindi fruisce del take-away (spesso un panino, una scatoletta di tonno o di carne in scatola, un minimo di frutta…) , hanno messo un banco alla bene e meglio tra i mezzi parcheggiati ed i bidoni della spazzatura mentre a Padova, nella Casa circondariale, hanno messo due tavole in un’area verde dove di solito mangiano i gatti randagi».

«L’assurdo – sottolinea ancora il segretario del Sappe – è che poi queste colleghe e questi colleghi fanno servizio sugli automezzi per il trasporto dei detenuti e nelle sezioni detentive fianco a fianco. Le mense di servizio, poiché “obbligatorie”, sono come fare servizio e gli ambienti sono interni al carcere proprio come dove si fa servizio. Se serve il green pass per entravi, allora deve servire anche per fare servizio e anche a tutti per entrare in istituto, compresi familiari volontari garanti avvocati e magistrati. Non è possibile fare servizio nelle sezioni detentive a fianco al collega mentre alla mensa di servizio si consuma il pasto in luoghi diversi!».

Capece sottolinea che «la disposizione del Dap, che non è firmata dal capo dipartimento Bernardo Petralia o dal suo vice Roberto Tartaglia ma è stata diramata a firma del direttore generale facente funzioni Gianfranco De Gesu, responsabile della Direzione generale dei detenuti “suggerisce” anche l’eliminazione di tavoli e sedie all’interno delle sale bar e convegno del personale nei penitenziari e limita l’accesso alle palestre all’interno solamente per “addestramento e tecniche operative” e non già per attività sportiva al di fuori del servizio. Praticamente, i colleghi originari del Centro-Sud Italia che fanno servizio nelle decine e decine di carceri del Nord sono isolati da tutto e penalizzati gravemente: è inaccettabile»

Capece fa dunque appello al Ministro della Giustizia Marta Cartabia «affinchè disponga la revoca delle disposizioni emanate dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria almeno fino a quando non sono state predisposte adeguate soluzioni organizzative, disponendo come alternativa alla mensa di servizio la corresponsione del buono pasto».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: