Sorpreso a spacciare in salita San Rocchino, ingoia 12 ovuli di crack

Arrestato dai Carabinieri della stazione di Carignano e portato in ospedale fino a quando non li espellerà

Lo scorso pomeriggio, i Carabinieri della stazione di Carignano, a conclusione di una serie di accertamenti condotti nell’ambito di uno specifico servizio dedicato al contrasto del traffico di stupefacenti, in Salita San Rocchino, hanno arrestato per “detenzione ai fini  di spaccio di sostanze stupefacenti” un cittadino del Mali di 31 anni, pregiudicato, di fatto senza fissa dimora. 

  Lo straniero, veniva sorpreso mentre tentava di cedere della droga ad un acquirente, e nello stesso tempo, notavano che lo spacciatore ingoiava, verosimilmente, le dosi di droga, che conservava in bocca. Subito bloccato, veniva accompagnato presso l’ospedale Galliera, dove, sottoposto ad accertamenti sanitari, i carabinieri hanno appurato che il fermato, aveva ingerito 12 ovuli, presumibilmente di “cocaina crack”., pertanto, veniva ricoverato e piantonato. Identificato e poi perquisito è stato trovato in possesso di 2 telefoni cellulari e oltre 500 euro in contanti, provento dell’illecita attività. L’acquirente, un genovese di 34 anni, trovato in possesso di una dose “eroina, sarà segnalato alla Prefettura quale assuntore di stupefacenti. Droghe e denaro sequestrati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: