Bucci: «Sì ai maxi schermi ma accesso solo a persone Covid free». No alcol, botti e spray urticanti

Gli schermi previsti al Porto Antico e in piazza de Ferrari per assistere alla finale degli Europei tra la nostra Nazionale a quella dell’Inghilterra ci saranno ma «l’accesso sarà limitato a persone Covid free» dice il Sindaco

Niente alcol per strada. No ai botti. No agli spray urticanti nelle zone dei maxi schermi. Per accedere alle aree bisognerà indossare la mascherina

Varranno Green Pass, certificazione di guarigione o tampone in formato sia digitale sia cartaceo.

«Non c’è limite di persone in zona bianca – conclude Bucci – ma mettiamo noi il limite a 4.000 e 3.000 persone (rispettivamente in piazza De Ferrari e Porto Antico n. d. r.)».

La nuova ordinanza firmata dal sindaco Bucci prevede che

siano vietati, dalle ore 20.00 del giorno 11 luglio 2021 sino alle ore 06.00 del giorno successivo:

-in tutta l’area del Comune di Genova:  

  1. la detenzione finalizzata al consumo immediato sul posto ed il consumo di bevande di qualsiasi genere in contenitori di vetro e/o metallici in area pubblica o aperta al pubblico diversa dai locali di pubblico esercizio e dai loro plateatici;  
  2. la detenzione di ogni tipo di artificio pirotecnico in area pubblica e/o aperta al pubblico;

Nelle aree opportunamente perimetrate del “Porto Antico” e di Piazza De Ferrari, dove è previsto l’allestimento dei maxi schermi, in aggiunta a quanto sopra elencato, sono vietati:

  1. la detenzione di dispositivi contenenti spray urticante. Suddetti dispositivi, qualora detenuti, dovranno essere consegnati prima dell’ingresso nell’area interdetta presso gli appositi punti di raccolta;
  2. l’accesso alle aree in questione per le persone prive di certificazione da cui risulti l’avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2 ovvero l’avvenuta guarigione da COVID-19 ovvero l’effettuazione nelle quarantotto ore antecedenti di un test antigenico rapido o molecolare con esito negativo al virus SARS-COV_2verde COVID-19. Tali certificazioni possono essere esibite sia in formato cartaceo sia digitale; 
  3. l’accesso all’area delle persone che non indossino mascherina, che deve essere mantenuta per tutto il periodo di stazionamento all’interno del perimetro;

 Nelle aree in questione è consentita la sola detenzione e il consumo di bevande non alcoliche esclusivamente contenute in bottiglie/contenitori di plastica o di cartone e private del tappo;

L’ordinanza, inoltre, rammenta:

l’obbligo di indossare la mascherina protettiva delle vie respiratorie anche nelle zone diverse da quelle dove saranno installati i maxi schermi se presenti di assembramenti o affollamenti (in caso di violazioni verranno applicate le sanzioni stabilite dalle specifiche disposizioni anti-covid);

e avverte che

  • il numero massimo delle persone ammesse all’area del maxi schermo di piazza De Ferrari è pari a 4.000 e a quella del Porto Antico a 3.000;
  • l’inosservanza del dispositivo della presente ordinanza, fatte salve le sanzioni, anche penali, previste dalla normativa vigente, sarà punita con una sanzione amministrativa pecuniaria di euro 500,00. All’atto della contestazione delle violazioni di cui al presente provvedimento è stabilito, all’occorrenza, il sequestro del contenitore di vetro/metallo, della bevanda alcolica, dell’artificio pirotecnico e dello spray urticante detenuti dal trasgressore. È fatta salva l’applicazione delle ulteriori sanzioni per le violazioni di speciali disposizioni legislative o regolamentari vigenti. 

Il primo (60 metri quadrati) verrà posizionato in piazza De Ferrari, davanti alla facciata di Palazzo Ducale, e il secondo (33 metri quadrati) nell’area del Porto Antico in piazzale Falcone Borsellino (edificio Millo).

Le aree per assistere all’incontro verranno perimetrate e l’ingresso al loro interno sarà contingentato: 4mila persone in De Ferrari, 3mila al Porto Antico.

Gli ingressi saranno consentiti a partire dalle ore 19.30, la Polizia locale del Comune di Genova effettuerà i controlli agli accessi. La Protezione civile, attraverso i volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri, distribuirà anche cartine delle aree con le vie di fuga in caso di necessità. In tutto saranno circa 60 le persone coinvolte nell’assistenza alla popolazione. Il Comune di Genova ha previsto anche l’utilizzo di un servizio di sicurezza privato.

Saranno operative due squadre di Vigili del Fuoco, 4 servizi di ambulanza per il Porto Antico e 4 per piazza De Ferrari. In entrambe le aree sono previste anche 3 squadre di sanitari del 118 a piedi.

A partire dalle ore 19 di domenica 11 luglio – e fino a cessate esigenze – sono istituiti i seguenti provvedimenti temporanei di mobilità:

  • in piazza de Ferrari è istituito il divieto di transito per tutti i veicoli
  • i veicoli provenienti da via XXV Aprile, giunti all’intersezione con via Roma, hanno l’obbligo di svolta a sinistra nella stessa via Roma
  • in via Ettore Vernazza, nel tratto compreso tra Largo delle Fucine e Largo XII Ottobre, è invertito il senso di marcia per permettere l’uscita dei veicoli provenienti da Largo delle Fucine
  • i veicoli provenienti da via XII Ottobre hanno l’obbligo di proseguire verso via Lomellini e il divieto di svolta a destra in via Vernazza
  • per i veicoli provenienti da via Vernazza, nel tratto tra via V Dicembre e via Lomellini, è fatto obbligo di svolta a destra o sinistra
  • in via XX Settembre, tratto compreso tra l’intersezione composta dalle vie Ceccardi e Sofia Lomellini e piazza De Ferrari, è istituito divieto di transito a tutti i veicoli (con obbligo di svolta a sinistra in via Ceccardi);
  • per i veicoli provenienti da via Fieschi, giunti in corrispondenza dell’intersezione con la via XX Settembre, è istituito l’obbligo di proseguire diritto per immettersi in via V Dicembre con divieto di svolta in via XX Settembre;
  • per i veicoli che percorrono via Lomellini, giunti in corrispondenza dell’intersezione con via XX Settembre, è istituito il divieto di svolta a destra in via XX Settembre;
  • è istituita provvisoriamente e fino a cessate esigente un’area riservata ai TAXI in via Ceccardi (lato levante) e contestuale istituzione di divieto di sosta con la sanzione accessoria della rimozione del veicolo nelle aree riservate ai taxi in piazza De Ferrari.

Dovrà essere sempre garantito il transito ai veicoli di emergenza impegnati in attività di soccorso e di pronto intervento.

Cosa succede nelle altre città

A Roma, oltre ai due maxi schermi in centro, ci saranno diversi maxi schermi in quartieri differenti. Il locale Comitato per l’Ordine e la Sicurezza ha, invece, detto “no” al maxi schermo all’Olimpico. Il Comitato ha inoltre contrarietà inoltre sulla possibilità di eventuali sfilate che potrebbero creare assembramenti.

Nella città metropolitana di Milano, dove non sono allestiti molti maxischermi, è stato previsto un imponente servizio d’ordine con sorveglianza stretta delle grandi piazze in cui solitamente si verificano i festeggiamenti. Allertati anche i vigili del fuoco. A chi allestisce maxi schermi la Prefettura locale raccomanda di rispettare rigorosamente i protocolli anticovid e di richiamare il pubblico al rispetto della normativa per il contenimento della pandemia.

A Torino per i festeggiamenti è stato preparato n piano straordinario per la sicurezza del trasporto pubblico. Lo ha predisposto Gtt (Gruppo Torinese Trasporti) per domenica, in occasione della finale degli Europei di calcio «per prevenire comportamenti pericolosi per la sicurezza del trasporto pubblico e per l’incolumità stessa dei tifosi» dicono al Gtt, Gruppo Torinese Trasporti. Vietate lattine e bottiglie. Anche in funzione “anti mala movida”, oggi somministrazione di alcolici ristretta ai pubblici esercizi e comunque vietata dalle 24. I negozi del centro dovranno chiudere entro le 21. Domani vendita di alimentari vietata dalle 21 alle 7 di lunedì in tutta la città, alcol solo seduti al bar dalle 24 alle 3, divieto di girare con contenitori di vetro o lattine o bere all’aperto dalle 21 alle 7.

A Bologna, oltre alle ordinanze emanate dal Comune di Bologna la Questura ha messo a punto un servizio di ordine pubblico. Accanto alla chiusura di Piazza Maggiore dove è allestito un maxischermo, con varchi presidiati ai quattro accessi principali, sarà approntato un servizio dinamico di vigilanza nei vari luoghi di proiezione della partita. A gara terminata, i varchi della piazza verranno eliminati per facilitare il deflusso e il servizio coordinato dalla Questura sarà ulteriormente potenziato, con il concorso di “reparti inquadrati” e di personale di altre forze dell’ordine.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: