Rallenta la propensione al vaccino, Toti preoccupato: «Rischiamo di lasciare spazio alle varianti»

Il presidente della Regione: «Nonostante la “potenza di fuoco” tra hub e altre sedi vaccinali sia rimasta invariata, venerdì 25 giugno la Liguria ha somministrato l’89% delle dosi che ci sono state consegnate. La prossima settimana presenteremo alcune iniziative con giornate di vaccinazione ad accesso diretto. Richiamo anticipato per evitare che cada nelle ferie di agosto»

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Il presidente Toti spiega che “secondo le valutazioni del ministero della Salute, dell’Istituto di Sanità e della Cabina di regia nazionale, la Liguria si colloca in una fascia di rischio medio basso, perfettamente coerente con il passaggio in area bianca avvenuto il 7 giugno scorso e con la zona verde europea in cui ci troviamo”.
Per quanto riguarda la campagna vaccinale, nelle ultime 24 ore sono state somministrate oltre 17mila dosi (17.269) tra vaccini a mRNA Pfizer e Moderna e vaccini a vettore virale (Johnson e Astrazeneca).

«La prossima settimana – prosegue Toti – presenteremo alcune iniziative con giornate di vaccinazione ad accesso diretto e, per evitare a coloro che volessero prenotare in questi giorni di avere la seconda dose in pieno agosto, quindi nel periodo solitamente dedicato alle vacanze, stiamo lavorando per consentire a chi lo desidera di anticipare la data del richiamo, mantenendolo sempre tra i 21 e i 42 giorni dalla prima somministrazione. Nonostante la “potenza di fuoco” tra hub e altre sedi vaccinali sia rimasta invariata, venerdì 25 giugno la Liguria ha somministrato l’89% delle dosi che ci sono state consegnate. Il messaggio che vogliamo lanciare è forte e chiaro: tutti dobbiamo vaccinarci, per tutelare noi stessi e chi ci sta vicino. In caso contrario si rischia di lasciare spazio alle varianti, molto contagiose, con il pericolo, in caso di contagio, di finire in ospedale con conseguenze anche gravi».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: