“Giotto – Il Novecento proletario di Giordano Bruschi” domani alle 16 all’Albatros

Il tour del docufilm prosegue in Val Polcevera domani, martedì 22 giugno, al cinema Albatros martedì 29 giugno 2021 alle 17:30 Nuovo Cinema Palmaro di Pra’

Prosegue il tour cittadino del documentario sulle lotte operaie “Giotto. Il Novecento proletario di Giordano Bruschi” che dopo l’anteprima al Cinema Sivori e due date in Val Bisagno, arriva nel ponente cittadino al cinema Albatros in via Roggerone 8.

L’incontro organizzato in collaborazione con il Dopo Lavoro Ferroviario (DLF) inizierà alle ore 16:00 di martedì 22 giugno con la presentazione del libro “Il mio Novecento” di Giordano Bruschi a cura di Andrea Casazza e con l’introduzione di Luca Borzani edito per i tipi del Canneto Editore e proseguirà con la proiezione del film. Ad affiancare Giordano Bruschi e gli autori ci saranno Igor Magni, Segretario della Camera del Lavoro di Genova e Massimo Bisca, Presidente Anpi Genova. Con un saluto di Andrea Saronni, Genovasolidale. Modera Nadia Carì.

Come di consueto la presentazione è con entrata gratuita ma con prenotazione obbligatoria; per registrarsi è necessario scrivere a: pietroalfano1@gmail.com

«Val Polcevera mi ricorda alcuni dei momenti più significativi della mia vita – racconta Bruschi – quando sono arrivato a Genova da Pistoia abitavamo in Via Porro, e ancora oggi a 95 anni mi sento uno dei ragazzi di Via Porro. Ma sempre qui, in via Garello n.5, venerdì 7 aprile del 1950 fui arrestato con l’accusa infamante di avere mandato armi agli ergastolani di Portolongone. Passai due mesi in galera poi fui scagionato. L’inchiesta la fecero i lavoratori della San Giorgio»

Altre presentazioni sono in programma, sempre con entrata gratuita la prossima sarà il martedì 29 giugno al Nuovo Cinema Palmaro di Pra’ alle 17.

Per informazioni consultare la pagina Facebook del documentario: @GiottoDocufilm.

Il documentario: L’incredibile vita di Giordano Bruschi diventa un documentario dove è Giordano stesso a rievocare quasi un secolo di impegno sociale, civile, politico.

Il documentario vuole restituire, tramite il racconto diretto del protagonista (classe 1925), alcune vicende storiche di Resistenza e lotta sociale. Dalla partecipazione di Giordano alla Resistenza come staffetta partigiana ai moti dei 30 giugno 1960, dalla battaglia operaia per l’autogestione della San Giorgio del 1950, allo sciopero dei quaranta giorni organizzato dai marittimi nel 1959, fino alla sua attività come politico e sindacalista genovese.

L’urgenza del lavoro nasce dalla necessità di raccogliere il racconto di Giordano, uno degli ultimi testimoni di alcune fasi storiche tra le più significative di Genova nel Novecento e insignito lo scorso anno con il Grifo d’Oro – massima onorificenza assegnata alle personalità che hanno reso onore alla città di Genova.

Cuore del documentario è l’intervista a Giordano/Giotto realizzata all’interno dello stabilimento Ansaldo Energia di Genova mentre rievoca le tante battaglie per l’emancipazione dei lavoratori che lo hanno impegnato negli anni; fanno da contrappunto immagini realizzate oggi del protagonista che ritorna nei luoghi della memoria.

Completano il lavoro materiali dall’archivio personale di Giordano Bruschi e da fonti istituzionali come gli Archivi della Fondazione Ansaldo, della Camera del Lavoro Genova, della Cgil Nazionale Roma, di Anpi Genova e Liguria, Anpi Ansaldo Energia, Anpi Sestri Ponente, dell’Istituto Storico delle Resistenza della Liguria, dell’Istituto Gramsci di Roma, dell’Istituto Storico della Resistenza di Torino, dell’Archivio storico della Camera dei Deputati, Archivio Storico Foto Omnia di Ugo Borsatti ora della Fondazione CR Trieste, dell’Archivio storico de Il Secolo XIX, Fratelli Frilli Editori e della Biblioteca Civica Berio di Genova.

Pagina Facebook: @GiottoDocufilm

Durata: 57 minuti

Realizzazione: febbraio – dicembre 2020 

Il documentario è stato auto prodotto dagli autori con il prezioso aiuto di Pietro Alfano di Anpi Ansaldo Energia.

Con il contributo di Coop Liguria, CGIL Genova, Circolo Autorità Portuale CAP.

Si ringrazia Ansaldo Energia per la location.

Gli autori

Ugo Roffi, film maker e Ludovica Schiaroli, giornalista, sono già autori del documentario “Il Canto del Gallo” sulla vita di Don Andrea Gallo edito da Chiarelettere nel 2012; “Giovanni Burlando’s Vision” short-docu pluripremiato (Festival di Portland e Toronto) sulla vita del decano della corse motociclistiche in salita nel 2015; insieme a Fabio Palli e Simona Tarzia hanno realizzato “DigaVox – testimonianze dalla Diga di Begato” sull’emergenza abitativa a Genova nel 2018 distribuito da Distribuzioni Dal Basso.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: