“Ogni ape conta”, giovedì la diretta streaming sul progetto nazionale di Coop

L’obiettivo è quello di tutelare e studiare questi preziosi insetti

Ogni ape conta. Ecco perché già oggi Coop si prende cura di oltre 1 miliardo di api, insetti fondamentali per il ciclo naturale, visto che da loro dipende fino al 75% delle colture alimentari mondiali. E rilancia con il nuovo progetto “Ogni ape conta”: una vera e propria campagna volta a proteggere le api e a favorire la biodiversità.

Alle 17 di giovedì 20 maggio, Giornata mondiale delle api, il sito coopseitu.it dedicato alle attività sociali di Coop Liguria ospiterà una diretta streaming per illustrare il progetto. 

Parteciperanno Chiara Faenza, Responsabile Sostenibilità e Innovazione valori della Direzione Qualità di Coop Italia, e Tiziana Cattani, Direttrice Soci e Consumatori di Coop Liguria. 

«Come cooperativa di consumatori con forti valori – sottolinea Chiara Faenza –  Coop è da sempre impegnata nella tutela dell’ambiente e della biodiversità. Oltre a ospitare e tutelare già oggi oltre un miliardo di api, abbiamo  avviato una ricerca scientifica su larga scala che include per la prima volta tutta la filiera, coinvolgendo anche aziende agricole nostre fornitrici. Nei campi delle filiere ortofrutticole Coop, miglioriamo da anni l’habitat delle api, riducendo i pesticidi dannosi, promuovendo l’agricoltura biologica e ad alta sostenibilità e invitando gli agricoltori a ospitare alveari con api da miele e rifugi. Un altro passo per continuare ad avere prodotti Coop all’insegna della biodiversità».

Oltre alle api mellifere, con questa ricerca scientifica saranno sotto osservazione per la prima volta le api solitarie (in particolare le osmie, un genere  di ape solitaria particolarmente diffusa in Italia).

«Il progetto – sottolinea Tiziana Cattani – ha effetti immediati sulla sostenibilità ambientale del territorio e avrà sviluppi importanti anche sul fronte dei prodotti legati all’impollinazione da api. Un modello innovativo per affrontare i temi della biodiversità, che sarà occasione anche di nuove iniziative con il mondo della scuola». 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: