Banca abusiva con giro d’affari da 7 milioni di euro scoperta dalla Guardia di finanza

10 denunciati per abusiva attività bancaria e abusiva raccolta del risparmio con l’aggravante della transnazionalità. Tre percepivano il reddito di cittadinanza

Genova è una delle città dove il sodalizio operava. La raccolta di denaro avveniva attraverso carte ricaricabili o con la ḥawāla (conosciuta anche come hundi): un sistema informale di trasferimento di valori basato sulle prestazioni e sull’onore di una vasta rete di mediatori, localizzati principalmente in Medio Oriente, Nord Africa, nel Corno d’Africa ed in Asia meridionale

Nei guai sono, adesso, 11 cittadini di origine tunisina che secondo l’indagine delle Fiamme Gialle raccoglievano illecitamente fondi senza alcuna regolamentazione, in spregio alle norme anti riciclaggio. I militari della Guardia di Finanza hanno ricostruito la raccolta di denaro non autorizzata analizzando le operazioni segnalate dall’Unità di informazione finanziaria della Banca d’Italia. Secondo gli investigatori sono state 9mila i movimenti finanziari effettuati per un valore di 7 milioni di euro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: