Evade e ruba all’Ekom. «Non voglio tornare in carcere!». Poi picchia gli agenti e finisce a Marassi

È successo a Sestri, in via Fabio da Persico, dove gli uomini del commissariato hanno arrestato il diciottenne. Lui piagnucolava di non voler tornare in gattabuia ma, subito dopo, si è scagliato contro i poliziotti che hanno poi scoperto avevano scoperto che avrebbe dovuto restare ai domiciliari

La Polizia di Stato ha arrestato un 18enne di Savona, per esecuzione di una misura cautelare in carcere, denunciandolo altresì per resistenza, lesioni ed oltraggio a P.U., nonché per evasione dagli arresti domiciliari.
Ennesimo arresto effettuato da personale del Commissariato Sestri Ponente davanti al Supermercato Ekom di via Fabio da Persico.

Ieri nel primo pomeriggio il ragazzo è stato visto da un cliente mettere nello zaino una bottiglia di superalcolico e guadagnare frettolosamente l’uscita del negozio. Sulla soglia è stato fermato da un dipendente e, invece di consegnare il maltolto, ha ingaggiato una violenta colluttazione colpendo il commesso ripetutamente.
Alcuni poliziotti della Squadra Giudiziaria del Commissariato, vista la scena, sono intervenuti tempestivamente intercettando il giovane in fuga in via Sestri e bloccandolo.
Una volta in commissariato, il 18enne ha iniziato a dare in escandescenza, continuando a gridare di non voler tornare in carcere fino a sferrare un violento calcio ad una scrivania che, colpendo la gamba di un agente, gli ha causato traumi contusivi multipli guaribili in 7 giorni.

Dai successivi accertamenti eseguiti in banca dati gli operatori hanno compreso meglio la spropositata reazione del giovane: tre giorni prima infatti il GIP aveva emesso nei suoi confronti un aggravamento di pena poiché il ragazzo, agli arresti domiciliari a Savona per spaccio di sostanze stupefacenti, era più volte evaso.
Il diciottenne è stato associato al carcere di Marassi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: