La Lanterna e il suo parafulmine diventano caso di studio

Difficilissimo difendere il faro simbolo della città. La Lanterna è caso di studio e modello virtuoso per la tecnologia innovativa dei suoi nuovi impianti di protezione contro i fulmini. Se ne parlerà in un webinar

Lanterna di Genova – monumento simbolo tra storia e tecnologia“. Questo il titolo del webinar previsto per il 24 marzo alle ore 17 su piattaforma zoom organizzato da AEIT Liguria, con Scuola Politecnica e Ordine degli Ingegneri di Genovain partnership con Lanterna di Genova

[continua sotto]

Il monumento simbolo della città è oggetto di un incontro di studio e approfondimento sul recente intervento di protezione dalle scariche atmosferiche che si è completato a fine 2020 e che ha introdotto soluzioni studiate specificatamente per evitare i rischi collegati, che da sempre interessano il faro più alto del Mediterraneo

Ancora una volta, per la particolarità delle caratteristiche del sito e delle soluzioni applicate, la Lanterna conferma la sua vocazione di best practice e case study: obiettivo del seminario è approfondire aspetti storici, architettonici del monumento e, in particolare, la tecnologia dei suoi impianti, recentemente rinnovati con soluzioni avveniristiche.

La Lanterna, eretta sul promontorio di Capo di Faro, per forma ed esposizione è da sempre bersaglio di fulmini.

 Negli ultimi anni, con l’introduzione dell’elettronica per la gestione degli impianti (sistemi di controllo luci e ascensore, mezzi interattivi digitali, etc.) la vulnerabilità nei confronti di questi fenomeni atmosferici è notevolmente aumentata, tanto che anche recentemente (agosto 2017 e novembre 2019) i fulmini hanno provocato importanti danni.

Il recente intervento di rinnovamento tecnologico ha introdotto varie soluzioni, studiate specificamente per evitare questi rischi: tra queste, sono stati posati 4 nuovi dispersori di terra in rame, perforando la roccia fino a 34 metri di profondità. Il progetto prevede inoltre il trasferimento degli apparati di controllo della fiaccola alla base, in area meno esposta e la dotazione di protezioni progettate appositamente per tutti gli apparati elettronici. Tutte soluzioni “su misura” che verranno descritte nel dettaglio in occasione del seminario.

I lavori sono stati realizzati all’interno dei finanziamenti stanziati dal Ministero della Cultura (ex MIBACT) e Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (ex MIT).

Il webinar è organizzato da AEIT (Associazione Italiana di Elettrotecnica, Elettronica, Automazione, Informatica e Telecomunicazioni) Liguria, con Scuola Politecnica e Ordine degli Ingegneri di Genova, in partnership con Lanterna di Genova.

“La nostra associazione, pur avendo 124 anni di età, si è sempre mantenuta giovane ed al passo con i tempi grazie all’impegno e alla passione di esperti che mettono volontariamente la propria competenza al servizio della divulgazione scientifica resa accessibile a tutti – afferma l’Ing. Alberto Birga, Presidente AEIT Liguria Nel nostro programma culturale non poteva mancare un segno di attenzione al monumento simbolo di Genova, oggetto di un recente intervento con soluzioni tecnologiche innovative; abbiamo organizzato questo seminario per mettere in luce, in modo interdisciplinare, le sue grandi specificità”.

Siamo orgogliosi che ancora una volta la Lanterna sia riconosciuta come modello virtuoso, in questo caso, di innovazione tecnologica – sottolinea l’Ing. Nicoletta Viziano, Presidente Mu.MA Istituzione Musei del Mare e delle Migrazioni di cui il Complesso Monumentale della Lanterna è parte – la realizzazione del nuovo impianto di protezione contro le scariche atmosferiche, realizzato grazie ai contributi ministeriali, è anche occasione di studio e approfondimento dei professionisti del settore. Il faro simbolo di Genova quindi, oltre ad essere testimone di quasi 900 anni della storia della città, è proiettato verso il futuro con le sue applicazioni tecnologiche all’avanguardia”.

La Lanterna, per le sue caratteristiche peculiari legate al sito e alla sua storia, si presta ad essere caso studio per l’applicazione tecnologica e per le soluzioni innovative – aggiunge l’Arch. Andrea De Caro, Direttore operativo Lanterna di Genova per Pharos light for Heritagecome ad esempio l’efficientamento energetico, realizzato nel 2017 con il progetto LED Lanterna e Dintorni grazie a Slam, l’APP Lanterna che utilizza la tecnologia di prossimità dei beacon realizzata e donata da Madein.It, ma anche il restauro dello stemma di Genova dipinto sulla facciata nord del faro realizzato da Restauro in quota di Formento Restauri, grazie al contributo di Fondazione Compagnia di San Paolo per il bando I Luoghi della Cultura 2018 vinto da Fondazione Mario e Giorgio Labò”.

> LA PARTECIPAZIONE AL WEBINAR È LIBERA E GRATUITA: NECESSARIA LA PRENOTAZIONE TRAMITE IL LINK

> ECCO IL PROGRAMMA DI MERCOLEDÌ 24 MARZO

ore 17.00 Introduzione e saluti

Prof. Ing. Giorgio Roth – Preside Scuola Politecnica di Genova

Ing. Nicoletta Viziano – Presidente Mu.MA Istituzione Musei del Mare e delle Migrazioni

Ing. Maurizio Michelini – Presidente Ordine degli Ingegneri Genova

Contrammiraglio Massimiliano Nannini – Direttore Istituto Idrografico Marina Militare

Moderatore: Ing. Alberto Birga – Presidente AEIT Liguria

ore 17.20 Lanterna protagonista di luce – faro e simbolo della città

Prof. Arch. Sara De Maestri – Università degli Studi di Genova

ore 17.35 La Lanterna di Genova – valorizzazione di un complesso monumentale

Arch. Andrea De Caro – Direttore operativo presso Complesso Monumentale della Lanterna di Genova

ore 17.50 L’importanza dei Fari nella storia della navigazione

CF Francesco Tocci – Istituto Idrografico Marina Militare

ore 18.05 Tecnologia della luce nei fari, evoluzione storica

CF Alessandro Cirami – Comando Zona Fari e Segnalamento Alto Tirreno La Spezia

ore 18.20 Il fenomeno fulmine: un progetto elettrico, una soluzione su misura

Ing. Giorgio Marega – Progettista

ore 18.35 Esecuzione del progetto tecnologico in comprensorio monumentale

Arch. Giuliano Peirano – Libero Professionista, Direttore Lavori

ore 18.50 Mappatura a scarica impulsiva e confronto con le misure tradizionali

Ing. Lorenzo Megna – BMS Studio Associato di Ingegneria 

ore 19.05 Sintesi dei lavori di valorizzazione e protezione del sito

Arch. Roberto Ferrazza – Provveditorato Interregionale Opere Pubbliche per Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria

ore 19.20 Domande e risposte

ore 20.00 Conclusione Lavori

> LA PARTECIPAZIONE PERMETTE DI ACQUISIRE

3 Crediti Formativi per iscritti all’Ordine degli Ingegneri della sola provincia di GENOVA

3 Crediti Formativi per iscritti all’Ordine dei Periti industriali

PER INFORMAZIONI: AEIT LIGURIA

tel. 010 4347822; e-mail sez.ligureaeit.it; facebook, twitter e telegram: @aeitliguria

AEIT – Associazione Italiana di Elettrotecnica, Elettronica, Automazione, Informatica e Telecomunicazioni – Liguria 

È una associazione culturale con una prestigiosa storia ultracentenaria (dal 1897), con lo scopo di promuovere e favorire lo studio delle scienze elettriche, elettroniche, dell’automazione, dell’informatica e delle telecomunicazioni, lo sviluppo delle relative tecnologie e applicazioni, la crescita culturale e l’aggiornamento professionale. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: