Aspi: “Esenzione pedaggi fino a Rapallo”. Pastorino: “A quando la tratta Masone-Ovada?”

Per alleviare i disagi comportati dal piano, così come richiesto dalla Regione Liguria, Aspi ha stabilito in accordo con il Mit di ampliare l’attuale area di esenzione totale dei pedaggi fino a Rapallo sulla A12

In particolare, l’esenzione sarà applicata, a partire dalle ore 00.00 di mercoledì 27 gennaio a chi viaggia tra i caselli di Genova Pra’, Genova Pegli, Genova Aeroporto, Genova Ovest, Genova Bolzaneto, Genova Est, Genova Nervi, Recco, Rapallo. La gratuità sarà riconosciuta anche per i transiti dei veicoli, in uscita e in entrata da questi caselli, con origine/destinazione i caselli della A26 da Ovada, della A10 da Albisola, della A7 da Vignole Borbera, della A12 da Sestri Levante. Tale dispositivo potrà essere ulteriormente ampliato sulla base delle successive analisi sull’andamento dei flussi.


Si è tenuto oggi un incontro tra il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, gli assessori allo Sviluppo Economico Andrea Benveduti, alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone, il sindaco di Genova Marco Bucci e il team tecnico di Autostrade per l’Italia, guidato dall’AD Roberto Tomasi.
 
<Nel corso della riunione, richiesta dalla Regione per effettuare un’analisi complessiva della situazione della viabilità ligure, i rappresentanti di ASPI hanno illustrato la pianificazione dei lavori concordata con il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e hanno fatto il punto sui riflessi sul traffico generati finora – recita una nota dell’azienda -. Regione e Comune hanno richiesto alla società di avviare un’analisi per individuare possibili soluzioni che consentano di diminuire gli effetti dei lavori sulla viabilità comunale, anche attraverso una ulteriore accelerazione dei cantieri programmati in questa fase. In merito alla galleria Rivarolo 2, i cantieri saranno in ogni caso conclusi al massimo entro il prossimo 15 febbraio. Per quanto riguarda i rimanenti cantieri, grazie a turni di lavoro h24 e 7 giorni su 7, sarà possibile concludere i principali interventi entro il mese di giugno – tenendo conto della sospensione delle attività per le festività pasquali – così da liberare definitivamente il nodo genovese dalle opere più impattanti.

I rappresentanti di Autostrade per l’Italia, con il coordinamento della Regione Liguria, incontreranno la prossima settimana gli esponenti delle categorie economiche del territorio, così da illustrare i prossimi passi del piano di manutenzione e ascoltare le esigenze del mondo produttivo. A questo proposito, già nella mattinata di oggi i rappresentanti di ASPI hanno avuto un confronto con i vertici di Confindustria Liguria e Genova per condividere i particolari del piano di interventi e presentare il nuovo piano industriale della società.

“Oggi abbiamo letto la comunicazione di Regione Liguria che annunciava l’esenzione, da domani, del pedaggio autostradale fino a Rapallo sulla A12. Bene per questa notizia ma ricordo alle parti coinvolte che ancora manca una tratta fondamentale, quella tra Masone e Ovada, dove la viabilità è compromessa per via dell’interruzione della statale 456 del Turchino in seguito alla Frana del Gnocchetto”, ricorda Luca Pastorino, deputato ligure di Leu.

“Proprio sul tema oggi ho favorito un tavolo di confronto tra le parti a cui hanno partecipato Autostrade, Anas Piemonte, i comuni di Masone, Rossiglione, Campoligure e Urbe, l’Unione dei comuni delle Valli Stura, Orba e Leira, Regione Piemonte, le prefetture di Genova e Alessandria. A oggi la situazione ancora non è risolta, chiedo a Regione e ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di operare per garantire almeno la gratuità del pedaggio già nei prossimi giorni”, conclude Pastorino.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: