False dichiarazioni sulle armi, la Forestale sequestra 8 fucili a un cacciatore

Si aggirava in abiti da caccia in un bosco in una giornata di silenzio venatorio. Denunciato a seguito di accertamenti e valutazioni sul comportamento anomalo

Quattro fucili Beretta, due fucili Franchi, una carabina Remington, un fucile francese e oltre cento cartucce a pallini e a palla. Queste sono le armi ad uso caccia e sportivo ritirate dai Carabinieri della Stazione Forestale di Loano. Tutto è partito il 5 gennaio 2021 durante il controllo delle zone di interfaccia urbano foresta dove sono soliti i controlli da parte di questa specialità appartenente all’Arma dei Carabinieri. La pattuglia, insospettita dalla presenza di una persona in bosco, con abiti da caccia in giornata di silenzio venatorio, identificava il soggetto e lo invitava a rientrare in casa per eseguire il controllo delle armi regolarmente detenute. Durante lo svolgimento delle operazioni di controllo previsto dal Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, il pensionato di Boissano, R.G.B., tenendo un comportamento sospetto, rilasciava false dichiarazioni circa il possesso di alcune armi. Per questo veniva denunciato alla Procura della Repubblica e segnalato alla Questura di Savona. I Carabinieri Forestali, dopo i necessari accertamenti e valutazioni a seguito di alcuni comportamenti anomali da parte del detentore, hanno effettuato il ritiro cautelare delle armi, delle munizioni e dei titoli autorizzativi, come previsto dall’Art. 39 del TULPS.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: