Tredicenni aggrediti e rapinati in una crêuza di Castelletto

I genitori hanno denunciato ai carabinieri. E successo oggi a mezzogiorno

Continuano i fenomeni di violenza e le rapine a Castelletto. Questa volta è toccato a due ragazzini appena usciti da scuola che stavano tornando a casa.

Oggi, poco prima delle 14, i due, che hanno circa 13 anni, sono stati fermati da due giovani uomini tra i 20 e i 30 anni nel percorso per andare a casa, in salita San Nicolò, la crêuza che porta a San Nicola. È successo all’altezza del campo da tennis. I malviventi hanno strattonato e buttato a terra uno dei due e lo hanno scippato, rubandogli il tablet.
I due aggressori, hanno spiegato i ragazzini ai genitori quando erano ancora sotto shock, sono bianchi e parlano italiano.
Ad assisterli sono stati i soci di un circolo Arci che li hanno accompagnati dai mamme e papà. Parte dei vestiti indossati dai malviventi sono stati abbandonati poco distante.

<Credo fermamente che se non si decide una volta per tutte di riqualificare questo quartiere – quella crêuza è degradata da tempo – di episodi così ne vedremo tanti – dice un residente della scuola -. Il luogo è a una manciata di metri dalla stazione di polizia municipale e sembra di stare nel Terzo Mondo. Episodi come questo rendono ancora più palese la necessità di un impegno concreto da parte delle istituzioni>.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: