Promesse elettorali con aggravante mafiosa, 18 mesi di reclusione per Praticò

Ex consigliere comunale Pdl in Comune, ha patteggiato la pena. L’ex consigliere regionale Alessio Saso, invece, non ha scelto il patteggiamento ed è stato rinviato a giudizio

Un anno e sei mesi di reclusione: Aldo Praticò, indagato come Saso nell’ambito dell’inchiesta “Maglio 3” e la cui vicenda è stata, poi, stralciata e ha proseguito l’iter con l’ipotesi di reato di “Promesse elettorali con l’aggravante mafiosa”, ha deciso di patteggiare.
Secondo l’accusa, Praticò e Saso avrebbero incontrato esponenti della ‘ndrangheta e tra questi Domenico “Mimmo” Cangemi, il fruttivendolo di piazza Giusti, a San Fruttuoso, condannato per associazione mafiosa.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: