Il Civ di Sarzano non rinuncia a Tartufando e tiene aperte le luci alla sera

Torna l’iniziativa del Civ di Sarzano e Sant’Agostino che fonde la tradizione enogastronomica ligure con l’oro della terra, il tartufo bianco e nero. Il presidente Matteo Zedda: <La sera i locali tengono le luci accese fino alle 22 per garantire illuminazione e sicurezza al quartiere>

Il 31 ottobre e il 1º novembre, a pranzo, offerta enogastronomica particolare e offerta commerciale a tema, coniugate con le normative Covid.

Zedda parla di <Una nuova formula gestita con attenzione e rispetto: tramite prenotazione obbligatoria, si potrà prenotare il proprio pranzo a base di tartufo con ricette uniche, create appositamente per questo appuntamento>.
<Gli artigiani di zona, che hanno creato appositi gadget – prosegue Zedda -. I ristoranti sono sicuri, il personale è qualificato e professionale, gli investimenti sono stati fatti: ora tocca alla cittadinanza farsi sentire vicina, seppur distanziata. Tartufando è all’interno di uno dei Civ più attivi e più antichi, sia per storia, architettura che attività vere e proprie: Sarzano e Sant’Agostino>.

La prenotazione è obbligatoria in tutti i ristoranti aderenti, sia per gestire gli spazi sia per garantire un corretto e costante distanziamento. Qui il link per le prenotazioni.

È possibile prenotare direttamente ai Giardini Luzzati il giorno dell’evento se ci sono ancora posti disponibili.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: