Conte: «Già pronti gli indennizzi per le categorie colpite»

Il premier: <Saranno a fondo perduto. Ristori direttamente sul conto corrente con bonifico bancario attraverso l’agenzia delle entrate. Ci sarà credito di imposta per gli affitti, cancellata seconda rata Imu, confermata la cassa integrazione, nuova indennità mensile turismo, spettacolo e lavori intermittenti dello sport. Sostegno anche per i lavoratori delle industrie agroalimentari che patiranno la chiusura a metà dei ristoranti>

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha detto che non c’è lockdown, ma <Raccomandiamo di muoversi solo per motivi di lavoro, studio, salute, necessità. Raccomandiamo di non ricevere in casa persone estranee al nucleo familiare>.
Poi ha spiegato che la pandemia <Sta creando diseguaglianze nuove che si aggiungono alle esistenti. Ci sono fasce più colpite e altre meno tutelate>.
Per questo, ha detto, sono stati pensati i ristori.

L’obiettivo non è quello di azzerare i contagi, ma di abbatterli nel mese di novembre, per non sottrarre all’economia il mese di dicembre in cui solitamente i consumi sono molto alti.

A Natale arriveranno le prime dosi del vaccino.

Articolo in aggiornamento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: