Dehors gratis, ora anche coperture e paratie

Gli oltre mille spazi esterni di locali e artigiani richiesti e gratuiti causa Covid, oltre a quelli preesistenti, potranno riparare i clienti e acquisire così lo spazio esterno, di fatto, 12 mesi l’anno

Adattare all’inverno i dehors temporanei che da quest’estate riempiono piazze e vie: basterà compilare un’autocertificazione dopo aver seguito le semplici indicazioni contenute nel vademecum comunale. Per aiutare i pubblici esercizi a non dover rinunciare agli spazi per i clienti e ad essere in regola con le norme sul distanziamento, il Comune di Genova ha stabilito che bar e ristoranti potranno chiedere di dotare lo spazio esterno dell’attività di somministrazione o ristorazione con una protezione temporanea per il freddo, con paratie e coperture.

Adesso, per adattare i nuovi dehors all’inverno, è sufficiente compilare e inviare un’autodichiarazione, rispettando pertanto tutti i requisiti indicati nelle linee guida. Non sono necessarie altre comunicazioni. 

Qui il link alla autodichiarazione  

La protezione temporanea avrà, tra le altre, le seguenti caratteristiche:

a) paraventi laterali: modulari, amovibili, autoportanti, saldamente posizionati e nel contempo facilmente removibili (anche su ruote), trasparenti (in plexiglass o vetro) nella parte superiore, consentiti anche con fioriera integrata;

b) coperture: di tipo amovibile e colore neutro senza utilizzo di soluzioni di copertura in vetro, policarbonato, plexiglass; eventuali sostegni verticali devono essere il più sottili possibile costituiti da profilato metallico e ben distanziati con regolarità.

c) eventuali elementi riscaldanti: omologati a norma di legge.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: