Associazioni lgbt per il ddl Zan «in piazza dalla parte dei diritti»

Domani, sabato 17, in largo Pertini, dalle ore 16 Arcigay Genova – Approdo Lilia Mulas a.p.s.e Coordinamento Liguria Rainbow saranno in piazza <dalla parte dei diritti per chiedere con forza che il Parlamento voti al più presto la legge contro l’omolesbobitransfobia>

<Fanalino di coda rispetto a tanti paesi europei – continuano le associazioni -, l’Italia può finalmente fare un passo avanti e, dopo le unioni civili, darsi strumenti per il contrasto alla violenza sessista e omofoba. Discorsi d’odio, incitamento alla discriminazione, aggressioni contro le persone lgbti vanno riconosciuti per quello che sono: atti che offendono, che ledono la dignità delle persone, che feriscono. C’è chi pretende di offendere e di insultare in nome della libertà e della democrazia. Noi diciamo: a casa e nelle strade, sui social e nei luoghi di lavoro, nei media e ovunque, chi offende e insulta si deve accollare la responsabilità delle sue azioni e delle conseguenze.
Chi offende e insulta vuole mettere il bavaglio alla legge e alle buone pratiche che sostengono la convivenza pacifica tra le persone nel rispetto delle differenze. Non accetteremo nessun emendamento, nessun compromesso, perché sui corpi e sulla dignità delle persone non si tratta. Il DDL Zan va approvato, impariamo a riconoscere la violenza e a fermarla>.

Il presidio avverrà nel pieno rispetto delle norme sul distanziamento fisico, con posizioni tracciate e volontari e volontarie a garantire la sicurezza di tutte le persone che parteciperanno.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: