Il 3 ottobre presidio “Dalla parte dei cinghiali” in piazza Martinez

Appuntamento alle 15. Contro l’apertura della caccia, il 4 ottobre. <Alle altre specie già cacciabili – dicono gli animalisti – si vanno ad aggiungere 7.812 cinghiali da abbattere, nella sola Città Metropolitana di Genova, nonostante le evidenze scientifiche che dimostrano come la caccia non rappresenti un limite a queste popolazioni né ad eventuali danni causati>

La Task Force Animalista, Associazione Culturale/Politica senza scopo di lucro, che si propone statutariamente lo scopo di promuovere la tutela e il rispetto di tutti gli animali come esseri senzienti per ottenere il superamento della concezione dell’animale come “res”, con la coorganizzazione di Animalisti Genovesi, Animalisti Italiani, Save the Boars, Noi e Pumba, Zandra, AVI Associazione Vegani Italiani, Oipa Genova, Guardie Eco Zoofile Oipa Nucleo di Genova e Provincia, Coordinamento Macachi Liberi, Enpa Savona, , Iene Vegane Liguria, Arkus UnCane UnAmico Onlus, Associazione Zampatesa, Leidaa Sez. Rapallo e Golfo del Tigullio, Gaia Animali e Ambiente, Lav Genova, Associazione Caterina La Spezia, A.v.d.a. Associazione volontari per i diritti degli animali, Ageno Golfo Paradiso o.d.v., Enpa Rimini, Nala Nuova Associazione Liberazione Animale, Lotta, International Animal Protection League Italia o.d.v., riunisce il 3 Ottobre 2020, ore 15.00, c/o Piazza Martinez a Genova, le Associazioni locali e Nazionali e i cittadini che riconoscono agli animali emozioni quali gioia, dolore, empatia e intelligenza nonché diritti, dalla parte dei cinghiali liguri, condannati a morte dalle Istituzioni che non hanno fatto, nonostante i fondi promessi, adeguata prevenzione (sterilizzazioni, recinzioni e segnaletiche stradali).

Aggiunge Fabio Dolia, Portavoce di Animalisti Genovesi che <dal 4 ottobre prenderà il via la consueta mattanza annuale: alle altre specie già cacciabili si vanno ad aggiungere 7.812 cinghiali da abbattere, nella sola Provincia di Genova, nonostante le evidenze scientifiche che dimostrano come la caccia non rappresenti un limite a queste popolazioni né ad eventuali danni causati>.

Inoltre è previsto, per voce del docente Andrea Marsan, c<ontrariamente a quanto sostenuto al recente convegno in cui si schierava contro la caccia sottolineandone l’inutilità, l’abbattimento dei cinghiali (la maggior parte famiglie con cuccioli al seguito) che da anni ormai stazionano senza creare alcun problema nel Bisagno a Genova, anche e soprattutto per colpa dell’essere umano che li “invita” a scendere a valle portando loro da mangiare>.

<La Regione Liguria detiene per di più il triste primato delle ZAC, Zone Addestramento Cani, nelle quali finiscono la maggior parte dei giovani cinghiali che non superino i trenta chili (al superamento dei trenta chili ne è poi previsto lo “smaltimento”), catturati nei paesi e nelle città essendo, per decreto regionale, proibita la remissione nel territorio – dicono gli animalisti -. Associazioni e cittadini non ci stanno a metodi cruenti di contenimento e propongono soluzioni alternative all’abbattimento quali recinzioni, sterilizzazioni, segnaletiche stradali e dissuasori di velocità, attualmente totalmente mancanti, che segnalino la presenza di cinghiali, evitando così incidenti, censimento ed eventuali esportazioni di cinghiali in altre regioni in cui questi animali si stanno estinguendo, oltre che la conversione “etica” delle ZAC in luoghi protetti. Ricordiamo che, oltre ai cinghiali, i cani dei cacciatori passano la vita rinchiusi in gabbie abbandonate nei boschi, per poi essere liberati durante la caccia, rischiando la vita e riportando il più delle volte innumerevoli ferite. Quelli che non sanno cacciare vengono abbandonati e i canili di tutto il territorio Nazionale, purtroppo, ne sono pieni. La caccia nel 2020 deve cessare, essendo un pericolo anche per gli stessi esseri umani e ledendo il sentimento di molti. Illegale dunque, per un Codice Civile attento al sentimento e al dolore umano e priva di ogni fondamento logico>.

Carolina Sala, filosofa della scienza c/o l’Università degli Studi di Milano e Presidente della Task Force Animalista, sottolinea che: <L’etica è la base della tutela degli animali, dell’ambiente e dello stesso essere umano, nel rispetto delle generazioni future e di un ecosistema di cui tutti siamo responsabili>.

La manifestazione si svolgerà anche in caso di pioggia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: