All’Expo il 3º cestino elettrico che raccoglie fino a mezza tonnellata di plastica in mare

Il Rotaract Club Genova Nord-Nord Ovest ha consegnato oggi al Porto Antico di Genova il terzo “Seabin” che raccoglie anche microplastiche e microfibre

“Abbiamo portato avanti questa iniziativa – ha dichiarato il presidente del Rotaract Club Genova Nord-Nord Ovest Silvia Dalmati – nel quadro degli obiettivi proposti dall’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. Questo traguardo è stato raggiunto grazie al contributo ed all’impegno dei soci del mio Club, al sostegno dei Clubs Rotary e a quello di tutti coloro che hanno partecipato ai nostri eventi. La nostra iniziale intenzione sarebbe stata quella di donare al Porto Antico un numero più consistente di dispositivi, ma gran parte delle nostre risorse economiche sono state utilizzate per far fronte all’emergenza Covid-19”. La filosofia del Rotaract è quella di soddisfare le esigenze della comunità locale, promuovendo cambiamenti positivi e duraturi, attraverso l’impegno e la professionalità dei propri soci.

Con l’installazione del terzo Seabin, dopo quelli donati da KLM e da Grohe, il potenziale di raccolta di rifiuti nello specchio acqueo del Porto Antico arriva a una tonnellata e mezza all’anno. Dall’esperienza acquisita si tratta prevalentemente di plastiche, microplastiche e cicche di sigaretta che vengono prelevati da GE.AM nell’ambito della raccolta differenziata avviata da alcuni anni nell’area. La prospettiva, grazie all’intervento di ulteriori soggetti particolarmente attenti al tema della sostenibilità, è di installare nel medio periodo almeno altri quattro dispositivi nelle marine in concessione alla società.

Le regioni costiere e le città portuali sono esposte pesantemente alle conseguenze dei cambiamenti climatici. Da questo assunto – ormai condiviso sotto il profilo scientifico in ogni angolo del pianeta – derivano i dieci obiettivi dell’agenda 2030 dell’AIVP, l’associazione internazionale delle città portuali, sottoscritta dal presidente di Porto Antico di Genova SpA Mauro Ferrando nel febbraio di quest’anno. Le azioni che ne conseguono, in linea con quanto indicato dall’Agenda per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, si traducono in grandi e piccoli interventi che concorrono alla riduzione dell’inquinamento delle acque e dell’aria e alla riduzione dei consumi di materiali plastici.

“La politica intrapresa da Porto Antico in questi anni – ha sottolineato il presidente Mauro Ferrando – ha prodotto risultato tangibili ed estremamente confortanti per la prosecuzione dei nostri progetti”. “Oltre 1,1 milioni sono stati i Kw prodotti dal nostro impianto fotovoltaico negli ultimi 5 anni; l’elettrificazione delle banchine ha ridotto i costi di gestione degli yacht ormeggiati a Molo Vecchio  e migliorato la qualità dell’aria , azzerando le emissioni e i rumori dei motori delle imbarcazioni durante la sosta in porto; il completamento in corso della sostituzione dei lampioni tradizionali con i LED, con un risparmio di oltre il 60% nei consumi di energia. Si aggiungano poi le attività che contribuiscono ad agevolare ulteriormente i nostri stili di vita come l’uso delle borracce e la semplificazione nel reperimento di acqua depurata in alcuni degli esercizi pubblici dell’area, così come le colonnine di ricarica per le auto elettriche, oggi cinque di cui una superfast. Nelle prossime settimane partiranno i lavori di sostituzione della centrale termica del Mandraccio, che certamente consentirà ulteriori efficientamenti e riduzione di emissioni”.

“L’installazione del Seabin – ha evidenziato l’assessore allo sviluppo economico portuale e logistico del Comune di Genova Francesco Maresca – segue le altre già effettuate di recente e conferma l’attenzione che Porto Antico e Comune di Genova hanno per la tutela dell’ambiente e in particolare del mare. Siamo tutti impegnati per una città circolare e per un sistema urbano sempre più rigenerativo ed ecocompatibile”.

Nella foto da sinistra:
cc Marco Casanova – Capitaneria di Porto
Laura Gaggero – assessore  sviluppo economico, turistico e marketing territoriale Comune di Genova
Francesco Maresca – assessore sviluppo economico portuale e logistico Comune di Genova
Silvia Dalmati – presidente Rotararct Genova Nord – Nord Ovest
Gilberto Gagliardi Bonasegale – direttore generale Porto Antico di Genova SpA
Alberto Cappato – Direttore Innovazione, Sviluppo e Sostenibilità Porto Antico di Genova Spa
C.A. Massimiliano Nannini – Direttore Istituto Idrografico della Marina

Lo scenario

Complessivamente ogni anno, finiscono in mare circa 8 milioni di tonnellate di plastica, di cui il 7% nelle acque del Mediterraneo: l’equivalente di 33.800 bottigliette di plastica gettate in mare ogni minuto. Ogni anno, nel mondo, si producono 310 milioni di tonnellate di plastica (contro gli “appena” 15 milioni del 1964), di cui 100 milioni vengono disperse in natura (Fonte WWF).

Ogni anno, nel mondo, si consumano circa 6 mila miliardi di sigarette, che equivalgono a 18 miliardi al giorno. I filtri delle sigarette sono composti di una plastica chiamata diacetato di cellulosa. Quando vengono gettati nell’ambiente, non si butta via solo plastica ma anche nicotina, metalli pesanti e altre sostanze chimiche che danneggiano la flora e la fauna (Fonte National Geographic).

*Il Rotaract Club Genova Nord-Nord Ovest, fondato il 20 Novembre 1987, è uno dei numerosi Clubs Rotaract sparsi nel mondo. Il Rotaract è un’associazione mondiale di giovani, patrocinata ed assistita dal Rotary International, le cui finalità sono di servizio (assistenza diretta e beneficenza) e di formazione (relazioni, conferenze e seminari).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: