Indagine sul caporalato, i Carabinieri sentono anche i riders genovesi

A Genova il locale Nucleo Ispettorato lavoro ha operato con pattuglie del Comando Provinciale nelle zone di Sampierdarena, Fiumara, Brignole, Porto Antico e Piazza De Ferrari, fermando i “riders” per strada visto che gli stessi non hanno alcuna sede

Durante il fine settimana i Carabinieri del Comando Tutela Lavoro e di tutti i Comandi Provinciali dell’Arma sul territorio nazionale hanno  intervistato oltre mille “riders”, operanti per le principali “piattaforme virtuali“ del “food delivery”, per acquisire informazioni utili alle indagini in corso, delegate all’unità specializzata dell’Arma dalla Procura della Repubblica di Milano, sulla gestione del rapporto di lavoro da parte piattaforme stesse.
Le attività dei Carabinieri si sono svolte su strada e contestualmente in tutte le province ed hanno consentito di “fotografare”, attraverso la voce dei lavoratori e delle condizioni reali constatate sul territorio, le modalità di svolgimento del servizio e le forme di tutela loro garantite, sia sotto il profilo  della sicurezza che sanitario.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: