Movida, sanzioni e denunce del pattuglione della Polizia locale – VIDEO

Resistenza, oltraggio, minacce, mancato uso della mascherina, ubriachezza, pipì per strada e persino una bestemmia.
Nella zona della vita notturna del centro storico anche 15 uomini della Polizia di Stato mentre alla Maddalena i Carabinieri della locale stazione hanno sanzionato 12 persone per assembramento. Abbiamo seguito la polizia locale fino alle 3 del mattino. Ecco cosa è successo

Trenta uomini della Polizia locale insieme a quindici della polizia di stato hanno sorvegliato ieri la zona della movida mentre i carabinieri si sono occupati, chiamati dai residenti, di un assembramento extra movida, in via della Maddalena.

Il dispositivo messo in campo dalla Polizia locale è stato voluto dal sindaco Marco Bucci e dall’assessore alla Sicurezza Stafano Garassino e preparato dal comandante Gianluca Giurato con il reparto Sicurezza Urbana a cui ora è in capo la responsabilità del centro storico e con uomini del I Distretto e del reparto Infortunistica. Ha portato a una serie di denunce e sanzioni.

Denunciati: una persona per minacce, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale; due persone per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale; una persona per resistenza; una persona per false generalità.

26 multati per il mancato utilizzo di mascherine, 10 per ubriachezza manifesta, uno per aver bestemmiato, tre perché hanno fatto pipì per strada, due per lordura di suolo pubblico, uno perché girava con in mano una bottiglia di vetro, cosa che è vietata dall’ordinanza comunale.

Dieci gli ordini di allontanamento dal centro storico. È stato anche avviato il procedimento per l’allontanamento.

Alle 3, due stranieri ubriachi e senza mascherina si sono scagliati contro gli agenti dopo che questi gli avevano chiesto i documenti

Sanzionata anche una donna che ha gettato acqua dalla finestra sugli agenti in via di San Donato.

Gli agenti hanno per lo più invitato a rispettare le regole, quelle di convivenza civile e quelle del decreto Covid e sono intervenuti con le sanzioni quando i soggetti non hanno inteso ragioni.

Anche il megafono è stato utilizzato in casi estremi per disperdere gli assembramenti

<È l’inizio di un percorso che lunedì porteremo al Comitato per l’ordine e la sicurezza in prefettura – dice l’assessore alla Sicurezza Stefano Garassino -. Vale per la movida, ma anche per lo spaccio e la vivibilità di altre zone del centro storico. Ringrazio il comandante Giurato e gli uomini della Polizia locale del reparto Sicurezza urbana e i colleghi che si sono uniti a loro per essersi impegnati, ora che il Corpo si è assestato dopo le “iniezioni” di personale e l’acquisto di mezzi e strumenti, nell’avvio di un piano che vuole andare in aiuto ai cittadini che chiedono aiuto. Speriamo che si possa mettere in piedi un’organizzazione a cui partecipino anche le forze dell’ordine. Solo lavorando tutti assieme si può raggiungere veramente un risultato>.


Sotto, la situazione alla Maddalena e l’intervento dei Carabinieri.

La Polizia di Stato in via San Bernardo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: