Inchiesta Covid-Rsa: si indaga anche su ritardi nelle forniture

Diversi sono i filoni dell’indagine della Procura di Genova sul gran numero di morti nelle Rsa, residenze sanitarie per anziani. Una di queste punta a stabilire se ci siano stati ritardi nelle forniture o nelle richieste di Dpi, dispositivi di protezione personale: mascherine, calzari, tute, occhiali e sovra cappe per i lavoratori.

Nei giorni scorsi alla procura erano arrivate segnalazioni anonime che informavano i magistrati che in alcune Rsa sarebbe stato impedito al personale di mettere le mascherine per non spaventare i ricoverati.

Di qualche giorno prima è la lettera aperta delle delle associazioni e delle aziende del settore che spiegava <Da subito i Dpi hanno scarseggiato, l’azione iniziale decisa a livello nazionale è stata di accentrarne l’acquisizione tramite Protezione Civile per poi distribuirli, innanzitutto negli Ospedali, poi gli altri; noi eravamo tra gli altri, e quindi a noi sono arrivati tardi. È superfluo dire che ci siamo iperattivati da subito anche per acquistarne privatamente, costituendo gruppi di acquisto per importare anche noi direttamente dalla Cina, ma, come è noto, almeno per un certo periodo gli ordini fatti da privati sono stati sequestrati ed i produttori e fornitori hanno dato priorità ai servizi ospedalieri ed alle ASL.
La prima consegna di DPI fornitaci da Regione Liguria è del 20 marzo, distribuita solo alle strutture per anziani che avevano già situazioni complesse, perché i pezzi non bastavano per tutti, perché non ce n’erano, perché anche gli Ospedali erano in affanno nonostante fossero la priorità>.

Sotto: la lettera completa.

I carabinieri del Nas, guidati dal maggiore Massimo Pierini, hanno acquisito bolle, mail e documentazione con cui i dirigenti delle strutture hanno chiesto i Dpi.
Tutto converge nell’inchiesta per epidemia colposa. I militari del nucleo speciale dell’Arma, nei casi di mortalità particolarmente alta, indagheranno sull’effettiva messa in atto delle disposizioni, come i percorsi separati tra zone covid e zone non covid e, appunto, l’effettivo utilizzo di Dpi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: