Covid, Liguria tra le peggiori per tasso di mortalità. Oggi 32 morti di cui 19 a Genova

Peggio solo le Marche e la Lombardia. Veneto virtuoso: ha avuto due volte e mezzo i nostri contagiati, ma un tasso di mortalità di meno della metà. Continua l’ecatombe degli anziani a Genova e in Liguria, ma tra i deceduti ci sono anche una 55enne e due uomini sulla sessantina

Le Marche, dove è morto il 20,4 dei malati, sono il disastro peggiore, con una sanità che, evidentemente, non ha saputo dare le risposte adeguate. Segue la Lombardia (18,1% dei positivi deceduti), che da sola ha registrato tanti morti quanti le regioni prese in considerazione nella nostra tabella (52.325 nella regione, 52.560 nelle altre sommate), dato che mette in luce il fallimento del modello della sanità di quel territorio. Poi c’è la Liguria dove è morto il 13% dei malati (ma sarebbe meglio dire “dei malati noti”). Pur concorrendo, non basta a giustificare una percentuale così alta l’età media elevata degli abitanti e la conseguente mortalità “ante covid” più alta delle altre regioni.
I fattori che possono giustificare (non necessariamente l’uno alternativo all’altro) il dato ligure sono due: una parte consistente dei positivi potrebbe non essere stata individuata come infetta e inserita nelle statistiche nazionali; la sanità regionale potrebbe non essere riuscita a reggere l’ondata di persone da curare.
Abbiamo già avuto modo di scrivere che la maggior parte dei morti non avviene nei reparti di rianimazione e che si sono verificati decessi in altri reparti anche con posti vuoti nei reparti di alta intensità, dove, evidentemente, non è stato giudicato opportuno trasferirli anche se erano molto gravi e c’erano posti libero per lasciare il posto a malati che avessero realmente chance di sopravvivere. Insomma: le cure intensive hanno funzionato come una macchina da guerra, ma il sistema sanitario, nelle condizioni in cui è stato colto dall’epidemia, non ce l’ha fatta a reggere l’urto. L’assistenza domiciliare in primis che, al netto dei proclami, è incominciata (a ritmo ridottissimo) oltre 35 giorni dopo. Poi la voragine assistenziale delle case di riposo, a proposito delle quali, nonostante le ripetute domande del nostro giornale e di diverse altre testate, non siamo riusciti ancora ad avere dati precisi nemmeno sul numero dei morti.

La tabella sotto illustra pienamente come, ad esempio, la sanità del Veneto, che denuncia 2 volte e mezzo i nostri positivi, deve contare meno della metà della percentuale dei morti. Vero è che lì l’età media della popolazione è sensibilmente inferiore (quasi tre anni e mezzo in meno), e che la percentuale dei morti ogni mille abitanti era, prima del Covid, di 4,3 punti più bassa, ma è chiaro comunque, alla luce dei dati dell’epidemia, che qualcosa ha funzionato meglio.

RegionePositiviMorti%*Età media**Mortalità%***
Liguria4.7576201348,514,3
Lombardia52.3259.48418,144,79,9
Piemonte13.3431.3199,846,512,3
Emilia Romagna17.8252.18012,245,711,2
Veneto11.9256955,845,110
Marche4.71096220,446,211,2

* percentuale di morti rispetto ai positivi
** età media della popolazione espressa in anni – dati 2019
*** Indice di mortalità (x 1.000 abitanti) – dati 2018
Dati: Ministero della salute al 7 marzo 2020, elaborazione GenovaQuotidiana


I decessi dalle 14 di ieri alle 14 di oggi a Genova e in Liguria: sempre tantissimi: 19 a Genova, 13 nel resto delle province. Anche oggi nessun decesso in rianimazione, tanti nei reparti di osservazione dei pronto soccorso e negli altri reparti.

San Martino

  • Una paziente nata in provincia di Pisa e residente a Genova di 90 anni, presso il Padiglione 12.
  • Un paziente nato a Torre del Greco e residente a Genova di 60 anni, presso il primo piano del Pronto Soccorso.
  • Una paziente nata e residente a Genova di 81 anni, presso il Maragliano.
  • Un paziente nato in provincia di Verona e residente a Genova di 84 anni, presso il 1° piano del Pronto Soccorso.
  • Una paziente nata a Fontanigorda e residente a Genova di 84 anni, presso il padiglione 12.
  • Una paziente nata a Bordighera e residente a Genova di 74 anni, presso l’Hospice.
  •  Di una paziente nata e residente a Genova di 74 anni, presso il Maragliano.
  • Una paziente nata a Chiavari e residente a Genova di anni 76 anni, presso il 1° piano del Pronto Soccorso.
  • Un paziente nato e residente a Genova di anni 76 anni, presso il 1° piano del Pronto Soccorso.

Galliera

  • Donna, 88 anni, di Genova, decesso avvenuto alle ore 22.23 del 7 aprile, ricoverata presso Pronto Soccorso, con comorbidità.
  • Uomo, 79 anni, di Campomorone, decesso avvenuto alle ore 23.14 del 7 aprile, ricoverato presso Pronto Soccorso, con comorbidità.
  • Uomo, 80 anni, di Genova, decesso avvenuto alle ore 06.10 del 8 aprile, ricoverato presso Pronto Soccorso, con comorbidità.
  • Uomo, 79 anni, di Serra Riccò, decesso avvenuto alle ore 08.10 del 8 aprile, ricoverato presso S.C. Malattie Infettive, con comorbidità.

Villa Scassi

  • Donna di 73 anni, con comorbidità, ricoverata il 14/3/2020 , deceduta il 7/4/2020 nel reparto di Degenza Breve
  • Uomo di 88  anni, con comorbidità, ricoverato il 25/3/2020, deceduto il 7/4/2020 nel reparto di Unità di Crisi
  • Uomo di 80 anni, con comorbidità, ricoverato il 3/4/2020, deceduto il 7/4/2020 nel reparto di PS/obi
  • Uomo di 84 anni, con comorbidità, ricoverato il 4/4/2020, deceduto il 7/4/2020 nel reparto di PS/obi
  • Donna di 65 anni, ricoverata il 20/3/2020, deceduta l’8/4/2020 nel reparto di Pneumologia
  • Uomo di 82 anni, con comorbidità, ricoverato il 4/4/2020, deceduto l’8/4/2020 nel reparto di Medicina

Asl 1 Imperia

  • Un uomo di 77 anni, della provincia di Imperia, deceduto oggi all’Ospedale di Imperia, con patologie pregresse associate.
  • Una donna di 55 anni, della provincia di Imperia, deceduta il 7 aprile all’Ospedale di Sanremo, con patologie pregresse associate;
  • Un uomo di 81 anni, della provincia di Imperia, deceduto il 7 aprile all’Ospedale di Sanremo, con patologie pregresse associate.

Asl 2 Savona

Presidio di Levante

  • una donna di 84 anni, della provincia di Savona
  • un uomo di 86 anni,  della provincia di Savona
  • una donna di 90 anni, della provincia di Savona

Presidio di Ponente

  • un uomo di 83anni,  della provincia di Savona
  • un uomo di 86 anni provincia  Savona
  • un uomo di  85 anni provincia di Savona
  • una donna di 96  anni della provincia di Savona

Asl 5 La Spezia

  • un uomo di anni 87, ricoverato in Medicina (ospedale Sant’Andrea La Spezia), residente nel comune di Arcola (SP) e deceduto il 07/04/2020
  • una donna di anni 86 ricoverata in Malattie Infettive (ospedale Sant’Andrea), residente nel comune di La Spezia e deceduta il 07/04/2020 
  • una donna di anni 81, ricoverata in Geriatria (ospedale San Bartolomeo Sarzana) residente nel comune di La Spezia e deceduta il 08/04/202
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: