Venerdì evento finale del Giorno del Ricordo

Le iniziative dedicate alla memoria della tragedia delle Foibe e dell’esodo dalla Venezia Giulia e Dalmazia terminano con una conferenza a Tursi

Venerdì 21 febbraio alle ore 17.30 nel salone di rappresentanza di Palazzo Tursi, si terrà la conferenza dal titolo “Da Est a Ovest. Gli Esuli Giuliano Dalmati a Genova”, cui interverranno Petra Di Laghi, autrice del libro “Profughi d’Italia” e Giulio Benvenuti, vicepresidente del Comitato dei familiari delle vittime giuliano dalmate. Moderatore sarà il giornalista e scrittore Mario Bozzi Sentieri. Saranno presenti l’assessore alle pari opportunità del Comune di Genova Giorgio Viale e il consigliere delegato alla predisposizione piani per la valorizzazione ed implementazione delle sinergie tra strutture comunali, del volontariato ed enti esterni in materia di Protezione civile Sergio Gambino.

L’iniziativa, incentrata sull’accoglienza e la vita dei profughi giuliano dalmati a Genova, è a cura dell’Assessorato alle pari opportunità e relativi diritti con la partecipazione dell’associazione culturale Domus Cultura e costituisce l’evento di chiusura delle manifestazioni dedicate dal Comune di Genova al Giorno del Ricordo, dedicate alla memoria della tragedia delle Foibe e dell’esodo dalla Venezia Giulia e Dalmazia.

Come si ricorderà, è stato l’assessore alle pari opportunità, in rappresentanza del Comune di Genova e accompagnato dal gonfalone della Città, a partecipare alla cerimonia per il Giorno del Ricordo che si è tenuta mercoledì 12 febbraio nel Parco della Rimembranza del cimitero monumentale di Staglieno. Altre cerimonie e iniziative, anche rivolte alle scuole, si sono svolte nel Municipio Media Val Bisagno.

Petra Di Laghi (Genova, 1992) è l’autrice del volume “Profughi d’Italia. 1943-1955, il dramma dei giuliano-dalmati dalle foibe ai centri di raccolta. L’accoglienza a Genova”. Nodo centrale di tutta l’opera è il tema dell’accoglienza e dell’assistenza offerta ai profughi giuliano-dalmati nella società italiana del secondo dopoguerra, argomento riguardante un periodo particolare della storia italiana. Per poter osservare da vicino tali dinamiche viene esposta, come importante parte inedita, l’analisi delle iniziative assistenziali attivate dalla città di Genova nei confronti degli esuli, nel periodo compreso tra il 1945 e il 1955, grazie ai dati reperiti dalla ricerca svolta all’Archivio di Stato di Genova, l’Archivio storico del Comune di Genova, l’Ufficio territoriale del governo di Genova (sezione Profughi ed equiparati) e alla Biblioteca universitaria di Genova.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: