Borse di studio: pochi candidati. Il Gaslini ripete il bando

Emolumento di 12mila euro l’anno. Aperto a laureati di discipline giuridiche e/o economiche

In una città dove sono molte le persone che dicono di non trovare lavoro, è andato pressoché deserto un precedente bando. Si tratta non di un concorso per posto di lavoro, è vero, ma di una borsa di studio di 12 mesi per possesso di diploma di laurea in discipline giuridiche e/o economiche o equipollenti. Fanno comunque curriculum e un fisso mensile viene garantito. Una buona alternativa alla disoccupazione

È aperto il nuovo bando. Le domande dovranno pervenire entro il 25 febbraio.

La selezione in oggetto prevede l’effettuazione di una prova d’esame in materia di legislazione sanitaria e di contabilità degli Enti Pubblici. Saranno giudicati idonei i candidati che nella prova di esame avranno conseguito il punteggio minimo di 18/30. La graduatoria sarà formulata sulla base del punteggio complessivo riportato dai singoli candidati.

La durata della borsa di studio è fissata in un anno, <in relazione alla disponibilità di specifico finanziamento a ciò finalizzato ed alle specifiche esigenze formative e/o di ricerca> si legge nel bando.
Il pagamento sarà corrisposto a seguito di apposita dichiarazione rilasciata dai responsabili referenti delle varie unità operative che attestano il regolare svolgimento dell’attività da parte del borsista; detta dichiarazione sarà rilasciata a cadenza mensile. L’emolumento, fissato in € 12.000, essendo borsa di studio non costituisce reddito da lavoro dipendente.

Qui il link con tutta la documentazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: